Benvenuti nella cucina di Ely

Mi chiamo Elena, ho 44 anni, sono sposata con Paolo che conosco da quando ero bambina e ho 3 figli Mattia 16 anni, Pietro 15 e Lucia 10, amo cucinare da sempre e da quando mi sono sposata ho provato, sperimentato e inventato. Il Capitano e i tre marinai si prestano molto volentieri ad assaggiare tutto quello che qui viene creato...

Dimenticavo qui siete i benvenuti! Tra farina e libri, un ago e una forbice, c'è lo spazio per un caffè e una chiacchierata in compagnia...

 factory  factory  factory

Torta di grano saraceno e una nuova storia con Leopoldina


... Da due giorni pioveva a dirotto, i topolini era già usciti per andare a scuola coperti di cerate, stivali ombrelli, loro erano sempre felici di poter saltare da una pozzanghera all'altra e di entrarci anche dentro, quando poi ritornavano a casa erano da mettere a mollo nella vasca da bagno tanto era il fango che avevano addosso, ma loro si sa sono ragazzi mentre a Leopoldina la pioggia non piaceva proprio.... Le entrava nelle ossa, fin dentro al cuore e le lasciava quella stanchezza mista ad un po di malinconia, che la rendeva triste e pensierosa e poi tutti i dolori si facevano sentire... La schiena, dopo la brutta caduta nel bosco non si era ancora sistemata e il collo poi... Stare sempre chinata a ricamare alla sera di certo non le faceva bene....
Ma non voleva piangersi addosso e cominciò a sistemare la cucina, decise che nel pomeriggio sarebbe salita in solaio a cercare gli addobbi natalizi, quella bella corona che aveva preparato l'anno scorso con i rami secchi, era perfetta per essere decorata con le bacche di agrifoglio che aveva appena colto, cominciò poi a pensare alla decorazione della tavola di Natale... Un bel centro tavola con la frutta essiccata, arance, mandarini, cannella e noci moscate, una bella candela al centro e poi i porta tovaglioli... Subito un calore gioioso le inondò il viso, questi pensieri la rallegrarono e tornarono a farla sentire felice, le mani avevano voglia di mettersi all'opera... 
Prima però si ricordò dell'incontro che quella sera ci sarebbe stato nel suo salotto, toccava lei ospitare il gruppo di lettura, avevano deciso di leggere un nuovo libro appena scoperto, lo aveva portato dalla città Serafina, la maestra della scuola elementare e subito era piaciuto a tutti si intitolava Gelo d'autunno a Quieta Radura e sembrava che raccontasse proprio del loro bosco, le illustrazioni erano meravigliose, grandi e piccini se ne erano innamorati e avevano deciso di leggerlo insieme nelle fredde sere invernali. Decise di preparare una torta...

Aveva trovato la settimana scorsa sul ricettario dell'emporio, una splendida torta di grano saraceno, la ricetta era diversa da quella che aveva fatto l'anno scorso e l'aveva incuriosita, così cominciò a preparare gli ingredienti...


Per questa ricetta ringrazio Sabina che l'ha gentilmente regalata a Leopoldina e a me, non ho cambiato nulla se non la marmellata perché non avevo quella di mirtilli rossi, la ricetta è perfetta così, come tutte le ricette del suo blog meraviglioso...

Ingredienti per uno stampo da 26-28 cm:
200 g di burro ammorbidito
100 g di zucchero
6 tuorli d'uovo
200 g di farina di grano saraceno Ecor
 200 g di nocciole grattugiate
2 mele grattugiate grossolanamente
1 bustina di lievito in polvere
1 presa di scorza di limone grattugiata
6 chiare d'uovo
100 g di zucchero
1 vasetto di Fiordifrutta Mirtilli neri Rigoni di Asiago
Zucchero a velo per decorare

Potete trovare i prodotti Ecor in vendita nei negozi NaturaSì e Cuorebio, oppure online su Emporio Ecologico

Preparazione:
Nel robot da cucina montate il burro con 100 gr zucchero, aggiungete i tuorli, la farina di grano saraceno, le nocciole, le mele, la scorza di limone e il lievito, mescolate bene e lasciate riposare. In un'altra ciotola montate le chiare d'uovo con i rimanenti 100 gr di zucchero e uniteli poi delicatamente all'impasto. Versate il composto in una tortiera che avrete imburrato e infarinato a dovere. Fate cuocere in forno statico a 180° per 40 minuti, controllate come sempre con lo stecchino, sformate e lasciate raffreddare su una gratella.
Ora potete tagliarla a metà e farcirla con la marmellata. Decorate poi con abbondante zucchero a velo! La miglior torta di grano saraceno che io abbia mai mangiato, morbida e non asciutta davvero vi consiglio di provarla!


Con me in cucina:

La cucina era invasa da un profumo meraviglioso.... Leopoldina mise la torta sulla credenza, preparò piatti e posate, una bella bottiglia di moscato era già nella ghiacciaia, l'infuso alla melissa e al miele per i bambini era pronto e finalmente si sedette davanti al fuoco.... La giornata aveva preso una piega diversa, si era trasformata piacevolmente... Tra poco sarebbero tornati i suoi topolini, una veloce merenda, un bagno divertente e una cena leggera, poi tutti pronti nei caldi pigiami per lasciare spazio agli amici, alla torta deliziosa e per ascoltare le meravigliose storie di Quieta Radura.


Io e Leopoldina volevamo presentarvi Clelia Canè, l'autrice e la creatrice di Quieta Radura, l'abbiamo scoperta per caso una sera mentre saltellavamo tra un blog e l'altro,  tra una ricetta di torta e un antipasto ci siamo trovati in questo luogo meraviglioso e fiabesco.... Devo dire che per i primi 10 minuti sono rimasta incantata e senza parole, era come il bosco di Leopoldina e i disegni di Clelia rappresentano perfettamente quello che la mia mente aveva immaginato nel crearla , insomma non potevo non condividere con voi la sua maestria e la sua bravura... Con Leopoldina abbiamo pensato di leggere insieme il suo libro,  presto ne uscirà uno nuovo, io non me lo lascio scappare!!! Saranno i miei regali di Natale!

Per tutte le altre ricette di Leopoldina potete andare qui.

Buon mercoledì a tutti voi!

65 commenti:

  1. bellissima storia e ottima ricetta, la proverò sicuramente =))
    ps.: le foto sono eccellenti ^_^ brava in tutto..
    ciao

    RispondiElimina
  2. Io mi sento come Leopoldina , qui piove ininterrottamente e ormai anche le mie ossa sono umide!!! Grazie per i tuoi racconti che invece riscaldano il cuore:)
    Avevo visto questa torta da Sabina e mi piaceva tanto!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Ely! Mi mancava la tua cucina!Buona giornata Monica

    RispondiElimina
  4. La storia di leopoldina mi incanta tesoro e mi ricorda quelle favole illustrate di un autrice credo inglese che raccontava e disegnava le storie di una famiglia di coniglietti....é deliziosa davvero come la tua torta favolosa!!! Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  5. Ely dolcissima! La torta di Sabi è meravigliosa e tu l'hai ricreata splendidamente.. deliziose foto e quella fetta è stupenda! :D Inutile dirti che è sempre tenera Leopoldina e.. dato che anche qui piove a dirotto e si gela, prendo un pezzetto del tuo capolavoro e sogno quel centrotavola illuminato d'amore. ;) Un abbraccio con affetto sincero TVTB

    RispondiElimina
  6. Buongiorno Ely, che torta strepitosa, complimenti a te e a Sabrina, le foto sono un' incanto mentre la storia di Leopoldina mi fa sognare tempi lontani! Un abbraccio a presto

    RispondiElimina
  7. Che bell'inizio di giornata Ely, tra la storia e la torta mi hai messo il buonumore, troppo tenere entrambe!!

    RispondiElimina
  8. oh Ely, che bel risveglio oggi con la storiella di Leopoldina, grazie.
    Grazie anche per avermi citata e per aver provato la mia torta, ti è venuta benissimo e le foto sono proprio da fiaba, tutto meravigliosamente meraviglioso.
    Per la marmellata di mirtilli rossi purtroppo so che è difficile da trovare, ma ho anche visto che la Rigoni invece ce l'ha, purtroppo è tutta frullata e perde molto, ma il sapore è ottimo.
    Anche con quella di mirtilli neri va benissimo, è solo che con l'aspro è la morte sua.
    Visto che collabori con la Rigoni fattene mandare qualche vasetto ;)
    un bacione e ancora grazie

    RispondiElimina
  9. una torta che sa davvero di tempi passati, di casa, di buono! Grazie a te e a Sabina per avermela fatta conoscere, penso che la proverò, mi avete incuriosito!
    Il tuo post è come un raggio di sole in questa tristissima giornata di pioggia...
    bacione

    RispondiElimina
  10. E' DA POCO CHE ANCHE IO HO SCOPERTO LA FARINA DI GRANO SARACENO NELEL TORTE PERò DEVO DIRE CHE è OTTIMA E SOPRATTUTTO ADATTA A CHI HA INTOLLERANZE.

    RispondiElimina
  11. Che bello iniziare la giornata con le storie di Leopoldina :) Anche qui piove da due giorni e una fetta di questa torta golosa sarebbe adesso una dolcissima coccola a colazione. Adoro la farina di grano saraceno ed è perfetta per utilizzare il mio perenne esubero di tuorli :) Un bacione, buona giornata.

    RispondiElimina
  12. bellissima stori per iniziare la giornata!! La tua ricetta è deliziosa, un abracccio!

    RispondiElimina
  13. Che bella storia!
    Ottima.. il sapore forte del grano saraceno, le nocciole e la delicatezza delle mele.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  14. Questa torta è strepitosa e con la marmellata di mirtilli è perfetta!!!

    RispondiElimina
  15. grazie per la storiella cara...davvero carina!...come ottima è la tua proposta di stamattina....bacione grande!

    RispondiElimina
  16. Le tue storie e le tue ricette sono sempre una magia. Buona giornata cara Ely!

    RispondiElimina
  17. Che bella storia, ricetta e foto! Brava!

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
  18. Basta pioggia!!!! Non so se ero più curiosa della storia di Leopoldina o della ricetta...
    Buona giornata (a me scoppia la testa!!!)

    RispondiElimina
  19. Carissima! ancora una volta mi hai fatto venire fame!
    Possibile che ogni volta che proponi qualcosa sia sempre così... buono?????
    Gnam, che voglia di rubartene una fetta!
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
  20. Ma questa è anche totalmente gluten free!! la faccio per la nostra Stefania ..assolutamente..... gliela preparo per la colazione quando tornerà a rtrovarmi....buona giornata :*... Flavia

    RispondiElimina
  21. che bello.. una storia coinvolgente e. .naturamente gustosa!Sono nuova di qui..un caro saluto..ti seguo volentierissimo!

    Stefy

    RispondiElimina
  22. Conosco benissimo questa torta che ho mangiato e cucinaato varie volte (per ovvie ragioni:.))) mi sembra ti sia venut benissimo!Vieni a portarmene un pezzo cosi assaporo??:DDDDDD UN BACIONE!!!

    RispondiElimina
  23. E Leopoldina m'incanta sempre,anche se a dirla tutta dice un pò di bugie....quella caduta nel bosco,non mi convince...io ricordo una vasca del benessere!Vabbuò,mi sarò confusa,ma tanto belli sono i suoi racconti che un pò divago,ma non mi perdo di certo una fetta di questa meraviglia!
    Ciao Leopoldina e grazie di avermi fatto conoscere un"luogo"incantato!

    RispondiElimina
  24. Grazie Ely per questa bella storia...in questa giornata 'uggiosissima' ci voleva proprio!!!
    La torta è semplicemente una meraviglia, quanto mi piace!!!
    Baci, Roberta

    RispondiElimina
  25. Una bonita historia acompañada de una torta buenísima y unas fotos preciosas. me ha encantado la receta.

    Un beso,

    RispondiElimina
  26. cara e dolce Ely devo iniziare a stampare le storie di Leopoldina e proporle alle mie cucciole nel momento della nanna visto che le fiabe classiche non le amo particolarmente (insomma ma diciamocelo: sono terrorizzanti!!)
    Queste stupende immagini ben rappresentano l'idea che mi sono fatta diquesta torta appena ho letto il titolo del post...deve essere di un soffice e di un gusto spettacolare: quel rustico che non mi fa fermare ad una sola fetta!! un bacione e buon mercoledì :) Clara

    RispondiElimina
  27. Cara Ely,
    appena ho letto quieta radura, avevo capito subito di che blog parlavi..
    e sai che qundo ci racconti di Leopoldina io mi immaginavo sempre le storie ed i paessaggi di Clelia? Per me lei è come l'autrice di Peter Rabit italiana.
    Anche questa torta ben si ambiente con l'atmosfera genuina e fiabesca di Leopoldina.
    Grazie Ely.

    RispondiElimina
  28. Bè.. personalmente ho capito di non amare moltissimo questa farina.. ma indubbiamente è molto buona.. baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  29. Adoro il grano saraceno !!! BUONISSIMA!!!

    RispondiElimina
  30. Ciao, mi sono inserita nei tuoi membri, mi piacciono il sito e le tue foto.
    Complimenti anche per l'invitante torta...
    Un saluto
    Susy di ricotta...che passione

    RispondiElimina
  31. I love grano saraceno. I love Leopoldina. I love la Ely!
    bacione
    simio

    RispondiElimina
  32. neanche farlo apposta stavo pensando a te, anzi ai tuoi canederli!!!stasera li preparo, ho un sacco di pane secco.non dirmi che non ti sei accorta del mio camino c'era già quando siete venuti a trovarci!
    baci a tutti
    isabella

    RispondiElimina
  33. Cara Ely,
    è sempre un piacere venire a trovarti e leggerti! Piene di calore le tue storie e la torta deve essere stra-buona! Il grano saraceno l'ho provato in molti modi ma non così, me ne ricorderò!
    Baci e buona giornata

    RispondiElimina
  34. ciao Ely
    un post bellissimo con una ricetta golosa!!!
    baci

    RispondiElimina
  35. adoro la torta di grano saraceno!!!
    e adoro le storie incantate :) un abbraccio!

    RispondiElimina
  36. che buona questa torta!! non ho mai avuto il coraggio di farla, perché la ricetta che ho io prevede dosi industriali di burro. Ma la tua sembra decisamente più "dietetica". Magari prima o poi mi convinco :)

    RispondiElimina
  37. Mai fatta questa torta, ma ho la farina di grano saraceno appena ho l'occasione la devo provare!X Bacioni!

    RispondiElimina
  38. Qui ancora il tempo tiene, anche se oggi è venuta giù un bel po' di acqua, quindi per ora sono ancora abbastanza tranquilla, altrimenti anche io come Leopoldina mi sarei sentita umida fino alle ossa.
    Adoro la torta di grano saraceno: tra quelle provate in Alto Adige, questa è stata la mia preferita. L'ho fatta varie volte, ma da quando sono tornata a Napoli non la faccio più. Dovrò rimediare :D

    RispondiElimina
  39. E' stata fra le prime ricette senza glutine che ho fatto :)

    RispondiElimina
  40. Che atmosfera dolce e fiabesca si respira qui!
    Le foto mi incantano e il racconto altrettanto!
    Ti faccio i complimenti anche per la buonissima torta! :)
    Buona serata!

    RispondiElimina
  41. Mi mancava Leopoldina :) qui c'era bel tempo..poi, è arrivata di riflesso la tromba d'aria che ha colpito Taranto..e non è stato bellissimo..
    Questa torta è splendida !
    Bacio

    RispondiElimina
  42. che effetto usi sulle foto? son troppo belle ely! un bacio

    RispondiElimina
  43. ciao Ely, sabina è una garanzia... anche l'altra bionda dai hahahaha
    la storia di Leopoldina è coinvolgente e dolce, perfetta per questa torta. ciao ciao

    RispondiElimina
  44. ma che spettacolo di torta... una sorprendente dolcezza, per la gioia del palato e dello spirito!

    RispondiElimina
  45. adoro queste torte dall'aspetto così rustico. brava come sempre.

    RispondiElimina
  46. Grazie ragazze siete davvero speciali! Damiana hai ragione sulla caduta di Leopoldina ma il marito pensa sia caduta nel bosco e così deve continuare a credere :-) Te la immagini una topolina in una vasca idromassaggio?
    Buona giornata a tutti voi!

    RispondiElimina
  47. un bel racconto con una bella fetta di torta...e senza ingrassare;))

    RispondiElimina
  48. Incantevole racconto e torta, ce l'ho in lista da tempo... prima o poi ce la farò a gustarmene una bella fettona, intanto anche se solo virtualmente, assaggio la tua! Un abbraccio Ely :-)

    RispondiElimina
  49. Nonostante tutto Leopoldina sa sempre come "non piangersi addosso" mi piace cogliere l'essenza di questo racconto in questa frase, saper trovare nelle piccole cose il motivo per non rattristarsi, nonostante i piccoli acciacchi, il malumore, il grigio.. ma anche una bella fetta di questa torta potrebbe contribuire ad un bel sorriso.. quanto ne vorrei una fetta! splendida!

    RispondiElimina
  50. avrei proprio avuto bisogno di una bella fetta di torta come questa ieri, con tutta l'acqua che ho preso! baci cara

    RispondiElimina
  51. La torta pare squisita, mentre il post è davvero molto dolce, delizioso!
    Mi piace tantissimo come scrivi :)

    RispondiElimina
  52. Buonissima in alternativa alla solita farina...ciaooo

    RispondiElimina
  53. Adoro i dolci così rustici e saporiti.
    Davvero una meraviglia.
    Tenerissimo, come sempre, il racconto di Leopoldina!
    Bacini

    RispondiElimina
  54. Le storie di Leopoldina mi incantano tutte le volte. Bellissima la storia e bellissima la torta.

    RispondiElimina
  55. La storia e' sempre più dolce come questa soffice torta saracena :)
    Per fortuna io ne ho trovata una versione vegana per provarla finalmente! ^_^

    Ps: mi vado a vedere il blog, disegni e libro :)

    RispondiElimina
  56. Ely, è sempre un piacere leggerti. Sai che io non amo particolarmente questa farina ma l'ho sempre provata in ricette salate... forse dovrei provare con questa magari dolce va meglio!!!

    RispondiElimina
  57. complimenti per il tuo blog, bellissimi contenuti e favolosa grafica. Ti seguirò, spero che tu ti unirai ai miei follower. Spero a presto.

    http://ragazzocomune.blogspot.it/
    http://scrivimidamore.blogspot.it/

    RispondiElimina
  58. ciao
    che voglia di camino e fiocchi di neve mentre ci si gode una torta buonissima come quella che ci hai presentato oggi... come sempre un piacere passare da te, una fetta conservala!!!
    buona serata

    RispondiElimina
  59. Quanta Ely ci sta in Leopoldina!!! E questo mi ha fatto pensare che probabilmente ancora hai qualche postumo della tua caduta! Speriamo niente di serio, Leopoldina!! Certamente poi gli acciacchi con tutta sta pioggia... li sentiamo tutti, ruzzoloni o no!! E per un attimo ho visto anche i tuoi bambini correre con la cerata e gli stivali... tra una pozzanghera e l'altra!!
    Bellissima questa torta. Sabina è un'artista e tu sei uno dei miei guru. Non può che essere ... non buona, ma molto molto di più!!! Tra l'altro ho scoperto solo da poco la farina di grano saraceno. Ci ho fatto dei muffins e il pane. Ne ho ancora un po'... Hai visto mai che facciamo il Sabina ter???? Brava te e brava Sabina. E Bravissima Leopoldina!!! Bacione!!

    RispondiElimina
  60. Ma Leopoldina abita dalle mie parti? perchè anche qui sono due giorni che piove e io non ne posso più! Questa torta mi incuriosisce molto anche perchè io non ho mai usato questo tipo di farina e vorrei provare ...quasi quasi faccio il tuo dolce mi ispira un sacco!
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  61. Dai ma che tenerezza queste storielle!!! Sei sempre così dolce e questa Leopoldina ci sa proprio fare in cucina... Chissà se l'avrebbe offerta a me un pò di questa torta ;-)

    RispondiElimina
  62. che dolce la storia...! e questa torta è di quelle che adoro io.. rustica, profumata, sai di inverno, di Natale.. di tradizione! la adoro, brava!

    RispondiElimina
  63. Ciao ely la tua torta è spettacolare! Ho fatto una versione un po' mia con piccoli ritocchi ed è venuta buonissima!!!! http://dolcipensieri.wordpress.com/2014/04/07/torta-al-saraceno-con-mele-di-dolcipensieri/
    Grazie

    RispondiElimina

Ho tolto la parola di verifica ai commenti, se volete potete commentare senza fare una visita oculistica prima
Grazie!