Benvenuti nella cucina di Ely

Mi chiamo Elena, ho 46 anni, sono sposata con Paolo che conosco da quando ero bambina e ho 3 figli Mattia 18 anni, Pietro 17 e Lucia 12, amo cucinare da sempre e da quando mi sono sposata ho provato, sperimentato e inventato. Il Capitano e i tre marinai si prestano molto volentieri ad assaggiare tutto quello che qui viene creato...

Dimenticavo qui siete i benvenuti! Tra farina e libri, un ago e una forbice, c'è lo spazio per un caffè e una chiacchierata in compagnia...

 factory  factory  factory

Cracker salati con lievito naturale

Eccomi con una nuova ricetta, nuova per me s'intende, con il lievito madre, in questi giorni purtroppo il mio lievito non è in gran forma, lievita un sacco questo si ma ha un odore acido così forte da essere scambiato con l'attaccatutto Bostik avete presente? esatto proprio quello... rompi a destra, rompi a sinistra, rompi alla gallina più gentile di questo pianeta la mia Lo (oramai nonna del mio lievito naturale) che mi consiglia di rinfrescare spesso fare crackers e focaccie per consumare e rinfrescare di nuovo....
per informazione tecnica non sapevo bene come scrivere crekers, crakers, crackers... e allora ho cercato su Wikipedia ed ho trovato queste informazioni che sono interessanti, forza che facciamo un pò di storia dei Cracker :-))).

Cracker (biscotto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un cracker è un biscotto asciutto, sottile, croccante e saporito che si è sviluppato dalla galletta militare e propria dell'alimentazione degli antichi marinai.

Nel 1801 Josiah Bent incominciò l'attività di panettiere a Milton, nel Massachusetts, vendendo "biscotti d'acqua", ossia biscotti fatti di farina e acqua, che non si deterioravano durante i lunghi viaggi per mare dai porti di Boston. C'era un certo scricchiolio (in inglese crackling) durante la cottura, da qui il nome. Così ebbe origine il termine inglese "cracker", cioè "che scricchiola". La sua compagnia più tardi iniziò a vendere le gallete-crackers originali usate anche per le truppe durante la Guerra di Secessione. La compagnia è ancora attiva a Milton e continua a vendere questi articoli.

I buchi nei crakers sono detti buchi "di attracco" (in inglese docking holes). I buchi sono messi nell'impasto per fermare la formazione di vuoti d'aria nel cracker durante la cottura.

In inglese americano il nome "cracker" è molto spesso usato per biscotti piatti saporiti, salati, in distinzione dai "cookies" (biscotti dolci), che possono essere simili ai "crackers" in aspetto e consistenza, ma che hanno gusto dolce. I crackers hanno a volte come ingredienti formaggio e spezie, o anche pollo.

Marche come la Captain's Wafers, Club Crackers, Town House Crackers, Ritz Crackers, Cream Crackers e Water Biscuits sono solite spalmare i crackers con formaggio, paté o mousse.

I salatini e i "crackers-ostrica" sono spesso serviti con la zuppa.

La "Mock apple pie", tipico dolce statunitense, è fatta di crackers Ritz (o simili).

I "crackers-animali", che sono moderatamente dolci, sono un'eccezione alla regola empirica "i crackers sono salati e saporiti, i biscotti sono dolci". Ma comunque, la maniera in cui i crackers-animali sono fatti (impasto a strati) li classifica come crackers.

I "Graham-crackers" sono anche mangiati come cookies (biscotti), sebbene furono inventati per i loro supposti benefici salutari.

Uno spuntino popolare è il cracker con la salsa di formaggio.

Ed ora la ricetta se non siete ancora scappati. Presa tale e quale dalla gallina più ruspante che ci sia la oramai famosa Lo e la ricetta con il procedimento la trovate qui, non la riscrivo altrimenti questo post non finisce più :-)))). Devo dire che nonostante l'acidità della pasta i cracker sono buonissimi infatti li ho già fatti per tre volte consecutive e sono finiti in un batter d'occhio seguite da queste esclamazioni, "dammi quello più croccante, il mio ha la bolla...mamma questo è più morbido, evviva i cracker della "madre", qui cosa c'è i semi..." ecc. ecc. ecc.

25 commenti:

  1. mmmmmmm buoni i Crackers bravissima ely interessantissima anche la storia!!! baci Alessia

    RispondiElimina
  2. sai che mentre tu scriveviqui io scrivevo sul tuo blog :-))) troppo bello ciaoooo cara e grazie!!!

    RispondiElimina
  3. Deliziosa Ely: come potrei scappare mentre tu fai la ricercatrice e mi rendi edotta! Ma è davvero tanto facile farli? (nn farò mai la pasta madre, però!)
    Claud

    RispondiElimina
  4. Buoni questi crackers, e picevole la storia e le curiosità. Ciao e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  5. Claud :-))) si possono fare anche con il lievito di birra :-)))) facilissimo li fà anche il capitano!

    Romina ciaoooo!!! grazie!

    Mestolo e paiolo sei Stefano come nome? o sbaglio? grazie e buon fine settimana a te :-)))

    RispondiElimina
  6. I cracker sono ancora tra le ricette da provare...prima o poi mi ci cimento pure io!
    Ciao,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  7. Si possono fare i crackers in casa??? Mitico!!!
    bravissima e soprattutto...auguri passati al tuo cucciolo!!!!!

    Ma che bello che è!!! In quanto tempo eè finito quel golosissimo dolce?????

    Un bacio a tutto l'equipaggio e complimenti anche per i premi!

    RispondiElimina
  8. Bellissimi davvero e tanto di cappello per il lievito madre, a me proprio mi blocca, mi sembra complicatissimo!Ciao, bacioni.

    RispondiElimina
  9. Aiuolik provali sono gustosissimi, in questo momento li stò facendo con i semi di papavero :-)) la ciurma se li sbafa in un minuto :-))) per non parlare del capitano :-)))

    Ciboulette siiiiiiii e sono molto meglio di quelli comperati!!!! grazie per gli auguri, il dolce è finito stasera :-))) grazie!!!!

    Franci ciaooo!!! prova non è complicato ci vuole solo tanta tanta pazienza!!! ma ti dà molte soddisfazioni!!! baci

    RispondiElimina
  10. Invitantissimi!!!!!!!!!
    Purtroppo io non ho la p.m...troverò il sistema per farli con il ievito normale..
    Buona serata, ciaoooooo

    RispondiElimina
  11. uh..fantastica la storia dei crackers... a me piacciono le storie enogastronomiche...e che buoni i tuoi!! ma soprattutto che buono il dolce qui sotto!!! Elyyy...mi spiace seguirti solo nei week-end, ma con quella connessione via cellulare è un disastro..un bacino e buon fine settimana...lety

    RispondiElimina
  12. Simo sono buonissimi!!! e si fanno anche con il lievito di birra senza problemi :-)))

    Lety io ti ringrazio che nonostante le tue difficoltà riesci e ti ricordi di venire a trovarmi sei davvero un tesoro!!!! un bacione!!!!

    RispondiElimina
  13. Anche i crackers! ma tu hai le mani d'oro, complimenti e buon fine settimana

    RispondiElimina
  14. Passa a ritirare un premio !!!! Ciao Lisa

    RispondiElimina
  15. ciao splendida ...come stai?? io forse ho finito di correre!!! sono bellissimi i tuoi crackers...io li adoro e anche a casa mia vanno via come le patatine...anzi da quando li faccio niente più stuzzichi schifosini...grazie per aver provato la ricetta...un bacione

    RispondiElimina
  16. Anicestellato troppo gentile grazie e buon w.e. a te!!!!

    Lisa grazie mille cara, appena ho un attimo aggiorno il post del premio!!!! oggi sono sommersa da impegni :-(((

    Lo ciao tesoro, ieri sera li ho fatti rotondicon i semi di papavero, se ne sono già mangiati metà :-))) la tua ricetta è perfetta!!!! un bacione e mi sà che oggi le nostre chiacchierate saltano ho cominciato a trottare alle 7 e finirò a mezzanotte!! baci

    Buon sabato a tutti!!

    RispondiElimina
  17. Mhmmhm buoni questi cracker!!!!
    bacino :-)

    RispondiElimina
  18. Ely,complimenti per la preparazione e per le notizie datoci.
    Buona domenica
    Nino

    RispondiElimina
  19. Che belli!!! Mi piacciono tanto!! E se al posto del sale mettessimo un bel po' di zucchero?? Mmhh ora ci penso... Ciao Ciccetta!!! LAle

    RispondiElimina
  20. Si Ely, sono Stefano.
    Ciao e buona domenica. :D

    RispondiElimina
  21. Bellissimi craker...con una spalmata di nutella sono una meraviglia...ciao

    RispondiElimina
  22. Che belli!!!!! li proverò con il lievito dii birra!!! cambierà il sapore??

    bravissima!!! buona domenica :-)

    RispondiElimina
  23. A ma allora ci devo proprio provare,
    a dir il vero è da un pò che ci penso ma sono un pò titubante.....però mi sembrano fattibili....fosse la volta buona....
    buona domenica e ciaooooo!!!!

    RispondiElimina
  24. Morettina ciao cara!!!! baci a te!!!

    Nico grazie! buona domenica a te!!!

    Lale con lo zucchero??? dici??? si potrebbe provare... e se ci mettessimo il cioccolato??? :-)))
    provo!!!!

    Stefano meno male che non mi sono sbagliata! buona domenica!

    Nuvoletta golosona!!!!!

    Sara non penso che cambi sapore pens oche ci siano ricette che lo usino tranquillamente per esempio qui:
    http://www.ricettesemplici.net/ricette/panificati_264/crackers-al-rosmarino.html

    Astrofiammante prova sono semplicissimi e di ottimo risultato :-))) la Lo - gallinella è un sicuro successo!

    Emilia sei davvero cara :-))) se riesco poi posto tutto il mio lavoro di ieri :-))) un bacione e buona domenica!!!!

    RispondiElimina

Ho tolto la parola di verifica ai commenti, se volete potete commentare senza fare una visita oculistica prima
Grazie!