Benvenuti nella cucina di Ely

Mi chiamo Elena, ho 46 anni, sono sposata con Paolo che conosco da quando ero bambina e ho 3 figli Mattia 18 anni, Pietro 17 e Lucia 12, amo cucinare da sempre e da quando mi sono sposata ho provato, sperimentato e inventato. Il Capitano e i tre marinai si prestano molto volentieri ad assaggiare tutto quello che qui viene creato...

Dimenticavo qui siete i benvenuti! Tra farina e libri, un ago e una forbice, c'è lo spazio per un caffè e una chiacchierata in compagnia...

 factory  factory  factory

Palline di melanzane



Un giorno, un uomo non vedente stava seduto sui gradini di un edificio con un cappello ai suoi piedi ed un cartello recante la scritta:
“Sono cieco, aiutatemi per favore”.
Un pubblicitario che passeggiava lì vicino si fermò e notò che aveva solo pochi centesimi nel suo cappello.
Si chinò e versò altre monete.
Poi, senza chiedere il permesso dell’uomo, prese il cartello, lo girò e scrisse un’altra frase.
Quello stesso pomeriggio il pubblicitario tornò dal non vedente e notò che il suo cappello era pieno di monete e banconote.
Il non vedente riconobbe il passo dell’uomo e chiese se non fosse stato lui ad aver riscritto il suo cartello e cosa avesse scritto.
Il pubblicitario rispose:
“Niente che non fosse vero. Ho solo riscritto il tuo in maniera diversa”.
Sorrise e andò via.
Il non vedente non seppe mai che ora sul suo cartello c’era scritto:
“Oggi è primavera…ed io non la posso vedere.”


Cambia la tua strategia quando le cose non vanno bene e vedrai che sarà per il meglio.
Abbi fede: ogni cambiamento è il meglio per la nostra vita.

Oggi vi auguro una buona domenica e una buona settimana con queste parole, me le ha mandate un amico per mail stamattina e mi hanno fatto riflettere... come a volte le cose possono cambiare cambiando il modo di parlare, di rapportarci agli altri, o solo cambiando punto di vista...

Ma ho anche una ricettina veloce veloce, la primavera sono sicura è arrivata, anche oggi le previsioni davano bruttino ma per ora c'è il sole e la nuvoletta con pioggia si è spostata a domani. Dicevo ricetta veloce adatta ad un pic-nic ad un buffet, ma anche come secondo in un pranzo normale, l'ho trovata su Cucina moderna serie oro - Polpette e polpettoni, numero a mio avviso bellissimo e ricco di tanti spunti e idee, ma come al solito chiacchiero chiacchiero e mi perdo, eccovi la ricetta.

Ingredienti (dose per 14 palline piccole):

2 melanzane lunghe
2 cucchiai di pangrattato (anche 3)
2 uova
2 cucchiai di pecorino grattugiato (io avevo il grana)
2 spicchi d'aglio
un ciuffo di prezzemolo
sale e pepe qb
olio per friggere



Preparazione:

Lavate le melanzane, asciugatele spennellatele con un filo d'olio,  mettetele su una placca da forno, fatele cuocere per 30 minuti a 180°. Fatele intiepidire e sbucciatele, strizzate ben bene la polpa e frullatela con tutti gli ingredienti.
Fate riposare il composto per 30 minuti, formate delle palline, fatele rotolare in un po di pane grattugiato e friggetele in abbondante olio caldo. Io poi le ho accompagnate con formaggio e pomodorini formando dei piccoli spiedini. Buoni veloci e Pietro che odia le melanzane (così dice...) non ha proferito parola, aveva la bocca troppo piena!!! buona domenica e buona settimana a tutti voi.



Dimenticavo con questa ricetta voglio partecipare alla raccolta di Nanny del blog Sapore di Vaniglia, il cibo in un boccone

49 commenti:

  1. Vorrei scrivere qualcosa di sensato, profondo e romantico come le tue parole, ma non mi viene nient'altro di "saggio" da dire tranne che il tuo racconto mi ha commosso!!!Grazie per averlo condiviso con noi!!!


    PS: le polpettine mi piacciono davvero tantissimo!!!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo raccontino e buonissima ricetta :-)
    Adoro le melanzane in tutte le salse!
    Gnam
    elena°*°

    RispondiElimina
  3. Davvero bello il racconto, fà pensare!... è proprio vero che a volte basta cambiare prospettiva per vedere le cose in maniera diversa!
    Io cmq ste polpettine me le rimiro da ogni lato che son deliziose... le adoro, di solito son il mio "cicheto" perferito quando di va per bacari qui a Venezia... polpette di melanzane e baccaà mantecato... slurp!

    RispondiElimina
  4. Ahhh quanto vere sono queste parole!
    Bellissimo post GRAZIE cara ^_^!
    Sfiziose le polpettuzze immaginavo quanto perfette possano essere immerse nel sughetto!
    Baci e mille GRAZIE per i complimenti!
    buona domenica ^_^

    RispondiElimina
  5. carissima Ely..
    quella di vedere il lato migliore delle cose è da sempre la mia filosofia di vita.....
    Il racconto è davvero bellissimo ed insegna proprio che sapendosi proporre alle persone si può solo riscuotere successo!!!!!

    RispondiElimina
  6. Beh, sono rimasta senza parole!
    Bel post e buone queste polpettine! ;)

    RispondiElimina
  7. Hanno fatto riflettere anche noi, le tue parole. Spesso siamo chiusi dentro le nostre gabbie, dentro i nostri schemi mentali, dentro i nostri atteggiamenti e troviamo difficile metterci in discussione, rivederci, fare piccoli passi verso il nuovo, verso i cambiamenti, verso gli altri...
    E' vero, a volte basta davvero poco per cambiare le cose!
    Le polpettine sono molto sfiziose, le melanzane comunque siano proposte per noi sono sempre golose. Ricettina di cui prendere nota!
    Buona domenica da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  8. Io le faccio in maniera leggermente diversa, e poi le metto al forno (non mi piace molto friggere), ma anche questa versione è veramente stuzzicante, ottima come antipasto, per un pic nic, oppure come contorno...le melanzane sono sempre ottime!!

    RispondiElimina
  9. che buone, bravissima!!! Io sono un po' negata a friggere, però sembrano davvero deliziosa, vale la pena di provare!!!

    RispondiElimina
  10. che bello il racconto e che belle le polpettine.... tra un po' entriamo nel pieno della stagione delle melanzane, che è bella lunga, e servono idee!!
    questa me la segno! :-)

    RispondiElimina
  11. belline belline belline!

    la storiella è molto bellina, e istruttiva...

    comincerò a scrivere le cose in un altro modo, è giusta l'ora...

    RispondiElimina
  12. le melanzane sono tra le mie preferite! bè, fritte poi...
    complimenti per il bellissimo disegno della famigliola!!! 10 e lode!!!baci

    RispondiElimina
  13. Non so se adorarti per il "racconto" o per le polpettine..facciamo per tutte 2!!

    RispondiElimina
  14. D'accord avec ce que tu as écrit.
    J'aime beaucoup tes boulettes d'aubergines.
    A bientôt.

    RispondiElimina
  15. ahahaha scusami sai perchè rido? ieri a pranzo il mio fidanzato ha portato la pizza crocchette supplì e delle palline di melanzane che ci siamo divorate in pochi secondi... Ed ora che ti trovo qui? la ricetta!!! :-p gnammmmmm

    RispondiElimina
  16. Dobbiamo meditare su questo racconto,davvero commovente!
    Grazie per la tua partecipazione alla mia raccolta con questa stuzzicante ricetta!
    Complimenti anche per la presentazione da 10 e lode!

    RispondiElimina
  17. Buonissime queste palline! Semplici e veloci, sfiziosissime servite così negli spiedini!
    baci baci

    RispondiElimina
  18. Trooooooppo belle queste foto! Ma davvero sono uno spettacolo :) E trooooppo buono le polpette di melanzane, io ne sono golosissima e quando le faccio ne mangio sempre una quantità industriale! Buon inizio settimana Ely, un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Ottima ricettina e gradito ottimismo. Avrei dovuto leggerti stamatina però...

    RispondiElimina
  20. Che bel racconto Ely e quanto c'è di vero...non è mai quello che diciamo ma è come diciamo le cose che trasmette l'intenzione!Ti auguro una buona settimana!PS Le polpettine sono un vero sballo!Bacio

    RispondiElimina
  21. Un commovente racconto che fa riflettere!!! Carissima queste palline sono gustose e golosissime! Baci

    RispondiElimina
  22. Già é proprio vero cara, cambiando i vari punti di vista e usare parole gentili renderebe migliore, di molto, questo strano mondo. Ma il più delle volte ci fa comodo usare i paraocchi e non vedere.....
    Grazie per questo tuo messaggio e le graziose polpettine. Un bacio e a presto ;D

    RispondiElimina
  23. è verissimo, se solo riuscissimo a dire le cose con altri toni, altri modi e altre parole cambierebbe la prospettiva, ma non è così facile purtroppo!! queste polpette sono le mie preferite, io pero' le faccio al forno!!

    RispondiElimina
  24. Bellissimo il racconto, tutti dovremmo vivere seguendo questo insegnamento, specialmente quando le cose si fanno complicate!
    Le polpettine devono proprio essere ottime, bella l'idea degli spedini! :)
    Ciao
    Serena

    RispondiElimina
  25. me le segno...pensa che mia figlia che potrebbe dar la mano a Pietro, ieri a casa di mia mamma si è pappata una bella porzione di lasagne alle melanzane senza fiatare....
    E' inutile, bisogna davvero camuffare!
    baci tesoro!

    RispondiElimina
  26. Dimenticavo....che belle le parole che hai scritto all'inizio.........

    RispondiElimina
  27. ciao!
    poco fa, leggendo il bellissimo post di Juls ho trovato questo
    http://www.decora.it/index2.asp
    e mi sono ricordata di un tuo post
    nn so se può essere utile
    buona giornata!!

    RispondiElimina
  28. gustosissime! da fare alla prima occasione ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  29. Racconto profondo descritto in modo leggero e simpatico...molto istruttivo. Ogni tanto dovremmo tutti meditare su queste parole!!
    E mentre meditiamo magari ci mangiamo anche uno spiedino :) mi piace l'idea della polpettina in spedino, moto sfiziosa!

    RispondiElimina
  30. La ricetta è bella, ma le riflessioni sono favolose: un abbraccio!

    RispondiElimina
  31. Carissima Ely... bellissimo il racconto e favolose le polpette!!!! sei sempre stragrande!!! un bacio

    RispondiElimina
  32. mi sa che oltre a copiarti l'idea della famigliola in alto alla pagina ti copierò anche questa ricettina ;) Buona settimana :D

    RispondiElimina
  33. Buona settimana anche a te Ely.....hai scritto delle grandi verità...
    :)
    Bacio
    Nadia

    RispondiElimina
  34. une belle cuisson d'aubergines, elles ont l'air délicieuses
    bonne journée

    RispondiElimina
  35. Che bella storia....

    E buonissime le polpettine!!!
    Brava!

    Baciotto
    Anto:o)

    RispondiElimina
  36. sono dell palline anche molto golose abbiante con una bella insalata fanno piatto unico

    RispondiElimina
  37. Io mi voglio fare seriamente del male... le proverò pucciandole in un sughetto di pomodoro fresco e basilico

    RispondiElimina
  38. bel post che fa riflettere e quanto è vero quello chehai scritto
    le tue palline sono molto ma molto ma molto carine

    RispondiElimina
  39. ammazza che ricetta sfiziosa..la copio al volo...grazie..iulia

    RispondiElimina
  40. Condivido le belle parole che hai scritto! La ricettina è golosissima la segno!
    Un abbraccio Arianna

    RispondiElimina
  41. Questa me la potrei fare prima della dieta!|!! Grazie!

    RispondiElimina
  42. Ely cara, un racconto che ci fa sperare, che ci insegna molte cose...
    Grazie cara, sono parole mooolto utili.
    Kiss, Anna.

    RispondiElimina
  43. Che bella questa storia.... l'ho pubblicata anche sul mio blog; buona primavera Ely!!! :-)

    PS Ho ospiti a cena, proverò le polpettine già questa sera!

    RispondiElimina
  44. che bellissimi e gustosi bocconcini :)

    RispondiElimina
  45. grazie! siete splendidi davvero! queste polpettine le ho preparate anche al forno e sono splendide in entrambi i casi! e davvero dovremmo imparare a vedere le cose con più positività, oggi per esempio piove e diciamo che brutta giornata, invece e solo una giornata senza sole :-) un abbraccio affettuoso a tutti!

    RispondiElimina
  46. Ciao Ely!
    Che buone le tue palline di melanzane!!!!
    Purtroppo non sono riuscita a fotografarle...un po' perchè era tardi e la fame che girava era tanta e poi avevo la digitale completamente scarica.....;o)
    Comunque le rifarò...sono sparite in un attimo!!!

    Baciotto
    Anto:o)

    RispondiElimina

Ho tolto la parola di verifica ai commenti, se volete potete commentare senza fare una visita oculistica prima
Grazie!