Benvenuti nella cucina di Ely

Mi chiamo Elena, ho 46 anni, sono sposata con Paolo che conosco da quando ero bambina e ho 3 figli Mattia 18 anni, Pietro 17 e Lucia 12, amo cucinare da sempre e da quando mi sono sposata ho provato, sperimentato e inventato. Il Capitano e i tre marinai si prestano molto volentieri ad assaggiare tutto quello che qui viene creato...

Dimenticavo qui siete i benvenuti! Tra farina e libri, un ago e una forbice, c'è lo spazio per un caffè e una chiacchierata in compagnia...

 factory  factory  factory

Gnocchetti ai sapori della valle...

 
Era da tempo che non facevo gli gnocchi, quelli classici con le patate, quando li facciamo generalmente lavoriamo tutti, chi impasta, chi taglia e chi dà la forma. Per questa ricetta invece ero solo con Lucia, si è impegnata tantissimo e il suo compito era quello di fare le righe agli gnocchi. Lo strumento che ha usato non è nato per questo tipo di pasta,  ma con la fantasia si arriva ovunque; Quindi le righe le abbiamo fatte con questa "caccavella" che una mia amica mi aveva regalato tempo fa e che non ricordavo di avere, ovviamente. La farina di castagne l'ho usata poco nelle mie ricette.. Nella miei ricordi le castagne ci sono da sempre, uno in particolare mi è tornato alla mente proprio per questa ricetta... La mia vicina di casa la mitica "Signora Anna" ogni anno in autunno, mi preparava la minestra di riso e castagne... arrivava con il suo passo lento e con la sua chioma bianca come la neve, la vedevo attraverso la porta finestra della nostra cucina... abitavo in una casa a ringhiera e tra la mia casa e la sua c'era un balcone che faceva da ponte... bussava e si affacciava dicendo "Bimbiiiii (ero io...) questa l'ho preparata apposta per te..., la ringraziamo, la baciavo e lei tornava contenta nella sua casina... Non le ho mai detto che la minestra di castagne non mi è mai piaciuta... Così quando ho pensato a cosa fare per partecipare al contest della Cucina Italiana "Castagne al Desco" in collaborazione con la provincia di Lucca, mi sono venuti in mente questi gnocchetti.... semplici e apparentemente grossolani, come la mia vicina, non amava tanti complimenti, ma era dolce e buona come la verza che li insaporisce e di gran cuore quando capiva che le persone le volevano bene, il suo abbraccio delicato e morbido lo ricordo ancora... ed ecco la fontina, dolce e avvolgente come un'abbraccio... Sono gnocchi che mi ricordano i sapori poveri e genuini delle valli qui vicino... fatti con ingredienti che tutti i contadini bene o male trovavano nel bosco, le castagne, o avevano a porta di mano, come il formaggio e la verza.
 
Ingredienti per 6 persone:
300 gr abbondanti di ricotta fresca vaccina
2 uova grandi o 3 piccole
Acqua q.b. per rendere l'impasto morbido ma non disfatto
 
Per il condimento:
1/2 verza
3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
400 grammi di fontina della valle
1 bicchiere di latte
sale e pepe q.b.

 
Preparazione:
Su un piano in legno preparate l'impasto per i gnocchi, versate a fontana le farine, le uova e la ricotta, piano piano aggiungete l'acqua. L'impasto deve risultare morbido ma non appiccicoso. Ora formate dei salsicciotti con l'impasto e cominciate a tagliar i tocchetti per fare gli gnocchi. Poi passateli sulla "caccavella", oppure fate le righe con i rebbi di una forchetta. Deponeteli su un vassoio infarinato e lasciateli riposare. Preparate ora il condimento. In una padella anti aderente fate saltare velocemente la verza, che avrete precedentemente lavato e tagliato a striscioline, salate e pepate e proseguite la cottura per 5 minuti. Spegnete e lasciate continuare la cottura coprendo con il coperchio. In un tegamino fate sciogliere la fontina tagliata a dadini con il latte, il fuoco deve essere bassissimo, con una frusta sbattete amalgamante bene fino a quando la consistenza sarà quella di una crema non troppo densa. In una casseruola portate a bollore l'acqua salata per far cuocere gli gnocchi, versateli e quando verranno a galla scolateli e deponeteli nei piatti. Condite prima con la crema di fontina, poi con la verza saltata. Questo mix di sapori è favoloso, i gnocchetti leggermente dolci, la crema alla fontina saporita ma non invadente e infine la dolcezza della verza... Se gradite aggiungete ancora un po di pepe e gustatevi questo piatto povero per quanto riguarda gli ingredienti, ma ricco di sapori e di storia. scegliete un buon vino rosso, corposo ma non brusco e buon appetito!

Dimenticavo, non aspettatevi degli gnocchi morbidissimi perchè non lo sono, non essendoci le patate, ma sono davvero molto particolari come sapore e consistenza....

 
Vi invito a dare uno sguardo a tutte le iniziative legate a questo evento, il Desco che si svolgerà a Lucca dal  19 novembre all' 11 dicembre, qui  trovate tutto il programma dettagliato. Io sarò presente insieme a tante amiche il 26 e il 27 novembre. Vi aspetto!



Con questa ricetta partecipo al contest della mia carissima amica Sonia "Di che pasta sei, secca, fresca o ripiena?" per la categoria paste fresche, ora devo pensare alla seconda ricetta!





70 commenti:

  1. che post bellissimo :) pieno di dolcezza! e che meraviglia i tuoi gnocchetti con le castagne! Lo sai che così non li ho mai mangiati? devo rimediare quanto prima! :) un bacione e buon fine settimana!
    Laura

    RispondiElimina
  2. Splendidi! Le ricette che rimandano a dolci ricordi sono quelle che preferisco ;)
    Ci vediamo a Lucca
    A prestissimo ;))))
    Erika

    RispondiElimina
  3. Buoni!!!!!!Averne delle vicine cosi...purtroppo sono molto rare!
    Complimenti, bella ricetta!!

    RispondiElimina
  4. che bello che sarà conoscerti di persona! complimenti per la ricetta, è squisita! splendido post!
    un abbraccio e a presto, per davvero questa volta! :D

    RispondiElimina
  5. ciao elena, buoni gli gnocchi di castagne, ottimo l'abbinamento con la verza!

    RispondiElimina
  6. Con la farina di castagne!!!! Chissà che sapore...da provare!! Tra l'altro ho proprio voglia di fare la pasta...magari domenica mattina!! Ciao

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia questi gnocchi con la farina di castagne, la salsa così cremosa dev'essere una bontà... bellissime anche le foto!!! Buon w.e Ely!

    RispondiElimina
  8. quanti mi piacciono i gnocchi in tutte le sue varianti...poi quando sono collegati a dei ricordi...sono ancora più buoni!!!
    Buonanotte Claudia

    RispondiElimina
  9. Mamma che piatto gustoso, che gnocchi!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  10. Sono veramente bellissimi! La forchettina è superbe!
    Bacione

    RispondiElimina
  11. A me piaceranno di sicuro. Amo la farina di castagne, e me li immagino anche con una salsa al gorgonzola, Buoni buoni A presto

    RispondiElimina
  12. Sarei proprio curiosa di assaggiare i tuoi gnocchi con la farina di castagne, devono essere davvero particolari. Buonissimi anche gli abbinamenti! Buon fine settimana, Babi

    RispondiElimina
  13. Bellissimi, brava Lucia con la 'caccavella', le righe sono perfette! E poi gli gnocchi con le castagne non li ho mai mangiati!

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
  14. Un piatto bellissimo...
    e che perfezione quelle righe...brava a Lucia
    Un bacio a te

    RispondiElimina
  15. le tue foto sono cosi´ belle come questi gnocchi

    RispondiElimina
  16. Bellissime le righe ed anche la ricetta
    Ciao francesca

    RispondiElimina
  17. Brava Ely un modo golosissimo per usare la farina di castagne...un piatto davvero appetitoso e poi cosi di atmosfera!!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  18. Che bella ricetta, mi piace molto il condimento che hai scelto per questi gnocchi di castagne, adoro la fontina :). Peccato non aver scoperto questo contest un mese fa, avrei partecipato volentieri...goditi questa bella occasione!
    Roberta

    RispondiElimina
  19. La farina di castagne non la compro mai ed invece questi tuoi gnocchi sono bellissimi e complimenti a Lucia ( un nome delizioso ♥) ciao

    RispondiElimina
  20. Anche io una volta ho utilizzato la farina di castagne per fare un primo ed evo dire che era buonissimo. Dovrei provare a fare questi gnocchetti, mi ispirano molto

    Brava

    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  21. Mhm, ma praticamente dono degl gnocchi-pizzocheri? :) Che meraviglia :)
    Buona giornata e soprattutto buon weekend!

    RispondiElimina
  22. che originali!!!!!!!!!!mi piace!!!!!baci!

    RispondiElimina
  23. gli gnocchi sono il mio piatto preferito! anch'io quando ero piccola con mia sorella aiutavamo mamma a prepararli. noi le righe le facevamo con il dorso della forchetta.
    ilaria;)

    RispondiElimina
  24. gli gnocchi sembrano buoni ma io a casa ho gli antignoccari, quindi niente. Ma la Storia, è bellissima. Averne vicine così

    RispondiElimina
  25. Accidenti, che bella ricetta, gustosissimi (e vegetariani!!!)! Brava, davvero ottimi!

    RispondiElimina
  26. Profumi e sapori che evocano sensazioni e raccontano storie, memorie di luoghi lontani e ricordi d'infanzia...quanti ne serbiamo nel nostro cuore? con i tuoi gnocchi mi hai fatto pensare alla mia vicina Tina che preparava apposta per me quelli al pesto, che festa era! mia mamma più che cose in busta o in scatola non ha mai fatto :(
    sono felice di avere il piacere di conoscerti meglio, a presto!
    Valentina

    RispondiElimina
  27. Come non amare un piatto che non si è mai assaggiato dopo una descrizione ricca di ricordi e affetti come questa? Se poi ci metti l'amore per i prodotti della tua terra la ricetta è perfetta!
    Buon week end, cara.

    RispondiElimina
  28. Bellissimi e devono essere anche molto buoni.
    Originali anche: sei stata proprio bravissima.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  29. meraviglia questa ricetta degna di partecipare nei due contest complimenti

    RispondiElimina
  30. Sto vedendo spesso in giro gli gnocchi con la afrina di castagne.. mi attirano molto! I tuoi son belli ed ottimamente conditi! baci e buon sabato :-)

    RispondiElimina
  31. Che ricetta originale! veramente complimenti Ely!!

    RispondiElimina
  32. Ma che maraviglia, Ely, per caso ne è avanzata qualche porzione?
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  33. bellissimo post...bellissimi gnocchi

    RispondiElimina
  34. Adoro i gnocchi alle castagne, che meraviglia Ely!!!!

    RispondiElimina
  35. Super meravigliosi! Come tutto del resto, ogni volta che passo di qua!!!

    RispondiElimina
  36. tieniti pronta che domani mi trasferisco da te per sei mesi a mangiare al tuo bel desco :-)) brave tu e Lucia :-) invece io li preparo da sola :( ma li faccio domani :)) bacioni cara e buona domenica :XX

    RispondiElimina
  37. Ely!!! Bellissima ricetta, e bellissimi ricordi...
    Un bacione

    RispondiElimina
  38. ^_^ ho l'acquolina! Inserisco subitissimo, grazie di cuore
    Buona serata
    Sonia

    RispondiElimina
  39. hai detto verza? Hai detto castagne? Allora sono parole magiche e vedendo questi gnocchetti non ne ho dubbi!

    buoni!!!!!


    besos

    RispondiElimina
  40. Non sapevo che con la farina di castagne si potessero fare anche gli gnocchi! Bene, bene, una cosa in più da assaggiare.
    Elisa

    RispondiElimina
  41. Ciao! che bella idea questi gnocchi! certamente originali con la farina di castagne ed il condimento di verza e fontina ci sembra tutto da copiare!
    bravissima!
    baci baci

    RispondiElimina
  42. Ely che bel post, ho vissuto ogni tua parola e capisco certi ricordi che da bimbi ci accompagnano sino ad oggi. Buono questo piatto, profuma di cose buone di una volta. Un abbraccio

    RispondiElimina
  43. Ciao, ti ho invitato a partecipare a 7 link project, passa da me per le informazioni del caso...naturalmente se ti fa piacere, baci e buona domenica! ele

    questi gnocchi sono uno spettacolo!!!!

    RispondiElimina
  44. Mi piacciono un sacco! Hai ideato un piatto divino dalla base al condimento e poi brava la tua bimba, eh?! Non vedo l'ora anch'io di fare "pasticci" in cucina con Alessio!
    Grazie delle bellissime parole che mi hai lasciato!!!
    Bacioni e buona domenica

    RispondiElimina
  45. Che buoni e saporiti questi gnocchetti!
    L'ideale per un buon pranzo domenicale!
    Buona giornata Ely!

    RispondiElimina
  46. Anche io ho partecipato a questo contest.. ma adesso che vedo la tua ricetta mi rendo conto che è superlativa rispetto al mio tentato uso della farina di castagne. Sei trooopppo brava! In bocca al lupo mio cara!

    RispondiElimina
  47. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  48. Oh Ely cosa mi hai fatto ricordare... anche io facevo gli gnocchi con la mia nonna! :) Che bei ricordi... è proprio vero che la cucina fa da sfondo ai ricordi più belli!

    RispondiElimina
  49. che ricetta curiosa! Il condimento lo adoro già, lo gnocco di castagna non riesco a immaginarmelo, vorrà dire che dovrò provarlo! complimenti per il desco, putroppo io non sono stata scelta e non sarò con voi (ma vi seguirò e invidierò moltissimo :-)) buona serata!

    RispondiElimina
  50. buonissimi questi gnocchi, accostamento felicissimo!
    e poi... vogliamo parlare delle foto?

    sempre spettacolare, tu!

    RispondiElimina
  51. Che bello preparare gli gnocchi tutti insieme! E anche se stavolta eravate in versione ridotta avete comunque fatto un ottimo lavoro! Questi gnocchi sono perfetti...pure le righe! E che sughetto delizioso! bravissime! :-)

    RispondiElimina
  52. Buonissimi Ely!!! Un piatto autunnale perfetto e gustoso!!! Un bacione!

    RispondiElimina
  53. Ely questi gnocchi sono fantastici, a dir poco! complimenti! ciao

    RispondiElimina
  54. Carissima mi piacciono questi gnocchi.Brava! Ho un problema a seguire il tuo blog...non mi viene caricato fra i blog che seguo eppure lo aggiungo...ma perché??? Così non mi arrivano gli aggiornamenti automatici, mannaggia!
    Ho inviato anch'io una ricetta per il contest Castagne al Desco. Che farete tu e le tue amiche blogger il 26 e 27?
    Un abbraccio
    Sabina

    RispondiElimina
  55. Sono ammaliata... dalla tua introduzione delicata e nostalgica, dalle foto che invitano all'assaggio, dagli ingredienti che parlano di tradizione e dalla lentezza seducente del procedimento...

    RispondiElimina
  56. Ciao Ely! Ma sono meravigliosiiiiiii!!!!!! Se poi sono fatti da tutta la famiglia, sono ancora più belli e più buoni! Complimenti! Bacione cara a domani! Che bello, non vedo l'ora!!!!

    RispondiElimina
  57. Grazie a tutti! Sono felice che vi sia piaciuta questa ricetta, il sapore è favoloso davvero e con la verza e il formaggio è proprio un bel piatto! Un bacio a tutti!

    RispondiElimina
  58. tu non ci crederai, ma stavo giusto parlando circa 20 minutri fa con una mia collega, e le dicevo che avrei voglia, ma tanta voglia, di mangiare qualche cosa di buono e semplice, ben cucinato, come per esempio un buon piatto di gnocchi.
    fati bene, in casa, con un buon sugo. ED ECCOLI!!!!!!!
    purtroppo non ho il tempo di prepararli, ma sappi che li sto mangiando con gli occhi!!!

    RispondiElimina
  59. La ricetta, le foto, l'introduzione del post trasmettono tutta la dolcezza legata ai ricordi. Sei veramente una persona speciale Ely.

    RispondiElimina
  60. questi mi ispirano tantissimo, mi ricordano la valtellina e devo assolutamente provarli!!!

    RispondiElimina
  61. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  62. Sono a dieta....ma fammi almeno leggere!!!!!mica ingrasso con gli occhi!!!!!!almeno loro falli saziare!!!!!!!sei simpaticissima ed effettivamente sono molto iper calorici...ma va bene lo stesso!!!!!buona vita e buona cucina!!

    RispondiElimina
  63. bellissima ricetta grazie!!!!!

    RispondiElimina
  64. Che spettacolo questi gnocchi complimenti!
    Ho appena preparato anche io degli gnocchi per il contest di Sonia e sto sbirciando i vostri lavori, bellissimi davvero!
    ciao

    RispondiElimina
  65. Ciao Elena!!
    Bellissimo post...
    Esprimete con un piccolo post quali sono i sapori che vi ricordano emozioni qui:
    http://www.smartrippin.com/i-sapori-che-ricordano-i-luoghi/
    Per condividere con gli altri le vostre esperienze!
    Anche tu Elena!!!

    RispondiElimina

Ho tolto la parola di verifica ai commenti, se volete potete commentare senza fare una visita oculistica prima
Grazie!