Benvenuti nella cucina di Ely

Mi chiamo Elena, ho 46 anni, sono sposata con Paolo che conosco da quando ero bambina e ho 3 figli Mattia 18 anni, Pietro 17 e Lucia 12, amo cucinare da sempre e da quando mi sono sposata ho provato, sperimentato e inventato. Il Capitano e i tre marinai si prestano molto volentieri ad assaggiare tutto quello che qui viene creato...

Dimenticavo qui siete i benvenuti! Tra farina e libri, un ago e una forbice, c'è lo spazio per un caffè e una chiacchierata in compagnia...

 factory  factory  factory

Anellini con "panzèta e scigulin..." storia di una colazione...



Il titolo è strano ma ve lo spiego subito...
Questa è una ricetta di famiglia, che il mio papà si mangiava sempre a colazione... avete letto bene a colazione, ora vi racconto...
Dovete sapere che il papy era un esperto camminatore, cercatore di funghi, ricercatore di minerali, andava nelle miniere, e molte di queste attività le svolgeva nelle prime ore della giornata, lui andava a dormire alle 20.00 della sera e alle 4 del mattino era già in piedi baldanzoso, si faceva le sue due o tre ore di camminata, coglieva gli asparagi... godeva del silenzio del mattino immerso nella natura, e quando erano le 6.30 o le 7 del mattino tornava a casa e si preparava la colazione, ebbene la sua colazione variava in maniera sistematica all'incirca ogni mese, un mese tutti i giorni l'uovo in cereghino, oppure sempre per lo stesso periodo, spaghetti aglio olio e peperoncino, oppure questa pasta che andava per la maggiore... quindi la sottoscritta si svegliava alla mattina con il "profumo" di questi piatti e vi lascio immaginare il mio stomaco come reagiva... non ho mai mangiato queste "prelibatezze" a colazione ma le apprezzo volentieri a pranzo e a cena, oltre ad essere veloci sono anche molto appetitose e aimè... molto pesanti e caloriche ma una volta ogni tanto si può anche fare.. questa è una ricetta che sa di infanzia e di ricordi e a cui sono molto affezionata... da quando papà è sulla sedia a rotelle non ha più richiesto o avuto la voglia di provare queste sue invenzioni, ed ha cominciato a mangiare normalmente, ora si gusta gelati e torte che prima disprezzava... come si cambia....
Bene ora però vi dico come l'ho preparata:

Ingredienti:

1 cipolla rossa (scigulin...)
100 gr di pancetta dolce a dadini (panzèta..)
scamorza dolce 250/300 gr  (quantità a vostra scelta)
salvia 
olio e burro
pepe



Preparazione:
Rosolate con olio, burro e cipolla la pancetta e la salvia, anche qui ho usato la pentola con i due manici della linea Greenline della Ballarini, sono pentole ottime e le stò sfruttando in qualsiasi occasione, nel frattempo portate a bollore l'acqua in una casseruola alta, io ho usato questa della linea Greenline, mettete sempre il coperchio così arriverà a bollore prima e risparmierete gas e tempo, salate l'acqua e buttateci gli anellini, tagliate la scamorza a dadini e quando la pasta sarà cottà scolatela e servitela in una pirofila con la pancetta arrostita, con tutto il sughetto di olio e buorro (non pensate al colesterolo e alle calorie) e la salvia, aggiungete la scamorza, una bella machinata di pepe e mettete per  5 minuti in forno con il grill acceso alla massima potenza, il tempo di apparecchiare e la cena è fatta, mi raccomando piatto unico o accompagnato da una leggera insalata. Buon appetito, piatto pulito!


p.s. ho quasi finito di inserire i vostri blog sono a più di metà, quindi chiedo perdono se in questi giorni ho "bigiato" ma per fine settimana ho concluso l'aggiornamento.

62 commenti:

  1. ..Mi spiace davvero tanto per il tuo papà...certo che si faceva una colazione bella sostanziosa pero' ;-)
    Non sarei mai in grado di farne una cosi', ma vuoi mettere che pranzo? ^-^
    un bacione...

    RispondiElimina
  2. ...la ricetta mi piace...adoro la forma di questi anelletti....ma mi piace di più immaginare ancora il tuo papà che va per boschi..in mezzo alla natura...con la brina d'inverno sui rami...la rugiada in primavera sui fiori....ti abbraccio forte forte, ciao Flavia

    RispondiElimina
  3. Adoro leggere questi post e scovare questo tipo di ricette...del cuore! Grazie per averla condivisa...un saluto affettuoso
    s

    RispondiElimina
  4. Cara Ely, è incredibile come dei piatti ti entrino nell'anima, te li porti dietro per tutta la vita. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia, io avrei fatto volentieri colazione con il tuo papà!!!
    :)
    :)
    Grazie per questa ricetta, un bacione

    RispondiElimina
  6. Mmm devono essere buonissimi!!!
    Che bella storia... ;-)

    p.s. io una volta feci colazione con un panzarotto fritto la sera prima freddo di FRIGO... O.o

    RispondiElimina
  7. Ely chissà che bontà!!!... Ogni volta che passo da te mi viene una fame blu!!
    Ieri ho provato la tua pasta con il cavolfiore.. io come variante ci ho aggiunto anche la besciamella (fatta da me!!) per dare giusto un tocco di "leggerezza"!!
    A me è piaciuta molto a Mark un pò meno perchè non ama il cavolfiore.. peggio per lui.. me la sono mangiata quasi tutta io!!
    Tesorino.. ricordati di partecipare al giveaway che ho organizzato!.. E' il mio primo ed ho messo in palio una bella borsa!
    Ti aspetto!!
    Annalisa

    RispondiElimina
  8. mamma mia che squisitezza Ely.. segno subito la ricettaaaaaaaa!!! un bacione!

    RispondiElimina
  9. Ma che bel post, e che bei ricordi! Non riuscirei a fare colazione con questo piatto, ma certamente il pranzo o la cena, ottimo! Un bacione.

    RispondiElimina
  10. Mamma mia che piattino bello ricco e sostanzioso, pensare di mangiarlo a colazione...no, non potrei maiiiiiii...
    Certo che ti è venuto una stra-meraviglia!!!!!!!!
    Un bacio cara, e sto seguendo i tuoi consigli su quello che tu sai.........

    RispondiElimina
  11. mi hai messo addosso una fame!proprio ora che mi ero quasi convinta di non fare merenda ma andare a pedalare un pò sulla cyclette.ce la farò mai?

    RispondiElimina
  12. Ma questa è una ricetta stupenda!!!
    Raccontata con il cuore!!!! Mi hai fatto venire in mente, quando da piccola, scorgevo dalla finestra il mio nonnino, con la falce in spalla, che si ritirava per la colazione!!!! Polenta, uova e salame!!!!!!!!
    Un bacione e grazie!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Che pasta invitante e prelibata anche la forma molto originale, ciao Ely buona serata e bravissima :)

    RispondiElimina
  14. che buoni, a pranzo, a cena, ma anche a colazione.
    io a colazione ho mangiato una volta una parmigiana di melanzane, fredda di frigo, ma avevo l'attenuante di essere incinta!!
    ma visto che adoro il salato a colazione...mangerei volentieri un pochino di questo delizioso piatto.

    RispondiElimina
  15. Non so se per te è lo stesso ma io quando riporto alla mente ricordi della mia infanzia mi sento pervadere da un calore nell'anima!!!
    Ed è così anche con i profumi legati ai ricordi.
    baci

    RispondiElimina
  16. Ciao Ely!! Mi dispiace che il tuo papà sia sulla sedia a rotelle..deve essere stata dura per una persona così attiva..
    Penso che anch'io a colazione farei un po' fatica....ma a pranzo deve essere il massimo questo piatto!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  17. Io potrei anche mangiarlo a colazione!! capisco benissimo il tuo papa che se lo faceva dopo una bella passeggiata corroborante di tre ore.
    Un bacione a te e al tuo papà da parte mia.

    RispondiElimina
  18. Il mio papà invece è stato sempre un golosone di dolci e gelati...ora vedo che anche il tuo, si coccola proprio bene!!Bella rossa,ma questo primo è la vera coccola,una carezza per la pancia ed un bacio al buonumore!!Un bacio a te ed anche al tuo papà!!

    RispondiElimina
  19. sembra buonissima !! però .. a colazione non so proprio se riuscirei a mangiarla. Io tendelzialmente sono per i dolci anche se quando sono in ferie mi lascio tentare da uova e pancetta! :)
    ma davvero ti sei reinserita tutti i blog !! che lavoraccio ........

    RispondiElimina
  20. wou che strani abitudini!!! Però sono belle perchè sanno di tradizione e quando le cose sono di tradizione sono bellissime!!!
    tanti baci
    Angelica

    RispondiElimina
  21. Ciao Ely, io sarei stata una degna camminatrice insieme a tuo padre. A me queste cose piacciono molto e ammiro tanto qui ha la volontà di farle. Lo capisco anche perchè a colazione prediligo il salato. Mi dispiace molto che non faccio più queste cose, ma la vita riserva gran belle cose a chi ha la mente aperte ad accoglierle. la tua ricetta è squisita e da rifare glutenfree, quoto l'opinione sulle pentole perchè sono ottime.
    Ti auguro una bellissima serata
    bacioni

    RispondiElimina
  22. Che dire..... semplicemente ricetta speciale!!!

    RispondiElimina
  23. Una ricetta del cuore e quindi bellissima! Magari per una cena al posto di una colazione, va bene lo stesso? :)

    RispondiElimina
  24. Grazie per questi ricordi dolcissimi...la pasta è davvero particolare e buonissima!!!!
    Un abbraccio enorme!!Smack!

    RispondiElimina
  25. Ely queste foto sprizzano amore da ogni anellino di pasta! Un bacio :-x

    RispondiElimina
  26. ma i nostri genitori sono tutti uguali ?? mio papà si sveglia presto ancora adesso.... però non fa quella colazione li !! bel piatto.

    La mia amica si chiama simona e vive con Luca a lecco, ti risultano ? lui ha sempre vissuto a taceno.

    Un bacio grosso

    RispondiElimina
  27. Che piatto particolare...bravissima!!


    ciao

    RispondiElimina
  28. Solitamente faccio colazioni salate, anche se solo con un semplice tost e una spremuta d'arancio, ma qualche mattina mi sarei avventurata volentieri con tuo papà in questa sontuosa e gustosa mega-colazione.

    Un bacione a entrambi

    RispondiElimina
  29. Ricetta molto sostanziosa e gustosissima, grazie per avercela proprosta! Bacioni!!!

    RispondiElimina
  30. Cara Ely,
    la ricetta è appetitossima e da provare...gnam!
    Sai che io questa pasta la riporto dall'Abruzzo e la preparo col sugo alla pecorara ma dopo Natale non ho avuto il coraggio di riportarla perchè sognavo insalate e piatti leggeri dopo le grandi abbuffate.
    Appena mi capita magari metterò la ricetta sul blog così potrai provarla in un'altra versione....ma magari già la conosci!
    Fatti dire ancora una vota quanto adoro le foto che fai!
    A presto,
    DEbora

    RispondiElimina
  31. Mi hai fatto ricordare la mia infanzia! Anche mio papà andava via alle 5 di mattina poi tornava e fare colazione magari con i ciccioli di maiale o con pane e pancetta...(in Ungheria fa parecchio freddo durante l'inverno, con la brioscina non arrivi molto lontano...
    Carina la tua ricetta!

    RispondiElimina
  32. ciao, questa pasta mi intriga parecchio, la pancetta e la scamorza poi sono ingredienti che mi piacciono molto (in barba alla dieta) ahaha...
    un abbraccio wanda

    RispondiElimina
  33. Se andassi in giro al mattino presto vorrei anch'io questa pasta al ritorno, ma tuo padre è un genio! Questa pasta sarà calorica ma è troppissimo buonissima mi ha fatto venir una fame!
    Bravi!!

    RispondiElimina
  34. Grazie a tutti di cuore, anche per chi si preoccupa del mio papà, è stata dura, due emoraggie celebrali lo hanno paralizzato, ma la sua forza stà nell'ottimismo e nel pensare semrpe che c'è qualcuno che stà peggio di te... la mia mamma ha fatto il resto e anche i miei figli :-), ora le sue montagne le guarda da seduto :-)
    ribadisco che nemmeno io ho mai fatto colazione con questo piatto ma la cena ben volentieri :-)
    buona notte! Ely

    RispondiElimina
  35. Una ricetta del cuore come questa ha sapore unico... Mi dispiace per il tuo papà, però il vostro affetto gli fa sicuramente bene :-) E ci credo che si facesse una colazione così, dopo due o ter ore di camminata!
    Un bacione

    RispondiElimina
  36. La colazione in effetti dovrebbe essere il pasto più nutriente della giornata, specie se all'insegna delle attività come per tuo padre. Quindi w la colazione di sostanza...Così però forse è troppo di sostanza e io non so se ce la farei, ma a pranzo una delizia del genere non me la perderei. Un grosso abbraccio a te che ci hai fatto conoscere questo piatto così pieno di ricordi e a tuo padre! Un bacione

    RispondiElimina
  37. mmm che fame ci fai venire anche alle 23,25 complimenti brava come sempre ...
    Un bacione dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  38. Che belli gli anellini, mi ricordano tanto la Sicilia, è un formato che qui non si usa, peccato...è proprio carino.
    Mi dispiace tanto per il tuo papà...purtroppo la vita si deve accettare con tutte le difficoltà, però i ricordi aiutano....sono una grandissima ricchezza, non potrei mai rinunciarvi. Sarà così anche per il tuo papà. Hai fatto bene a riproporre questo piatto. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  39. Cme assomiglio al tuo papà..non dirlo a nessuno ma spesso se "ello" avanza la pasta la sera io la magno per colazione :-D

    RispondiElimina
  40. Prima un sorriso poi una lacrima! All'inizio del post ho sorriso pensando a come erano diversi i tempi, anche il mio nonnino faceva delle colazioni che sembravano il pranzo di adesso. Poi un velo di tristezza quando hai concluso con il tuo babbo ormai non più cercatore di funghi e convertito alle "normali colazioni" Buffa la vita! Quel formato di pasta poi è tropo bello ^__^ Un abbraccio tesoro, buona giornata
    Sicuramente non riuscirei a mangiarli a colazione ma per un bel pranzetto anche porzione abbondante!

    RispondiElimina
  41. Ciao ely... finalmente eccomi qui... auguroni in ritardo per l’anno nuovo... e poi complimenti per gli anellini.. sono davvero molto invitanti.. come ammiro chi è mattiniero come il tuo papà.. la mattina è il momento più bello della giornata. unbacio grande Faby

    RispondiElimina
  42. Ossignur davvero... io sesento odore di soffrittini di prima mattina.. mis ento disturbata per tutto il giorno!!però a cena... Devono essere ottimi! bacioni :-D

    RispondiElimina
  43. Nememno io credo riuscirei a mandarli giù a colazione ma a pranzo si!

    RispondiElimina
  44. mi sono emozionata a leggere il tuo post e abbraccio forte forte te e il tuo papà. Questi manicaretti non sono niente male già dal primo mattino ;D ma penso che anche io li mangerei più volentieri all'ora di pranz, se ti può consolare anche io mi svegliavo con questi profumi la mattina perchè la nonna iniziava a preparare leccornie dalle 5 di mattina...bacioni

    RispondiElimina
  45. complimenti, beh a colazione no, ma a cena! Baciotti Helga e Magali

    RispondiElimina
  46. Io questi anellini li vedo per la prima volta, e ne sono stupita. Ma il mio stupore più grande è per la storia che ci hai raccontato, del tuo papà sveglio dall'alba per andare a camminare... bellissima. Un saluto a lui e a te, insieme
    A presto,

    Sabrine

    RispondiElimina
  47. Ciao! bella....una storia di famiglia...che è bello ricordare con affetto!
    buonissima questa apsta: il formato è una favola e curioso! il condimneto poi, semplcie ma davvero gustoso!
    bacioni

    RispondiElimina
  48. Adoro "i racconti del focolare" ogni famiglia ne ha di propi ed è un piacere ascoltarli, poi questa ricetta mi piace, me la segno!!!

    RispondiElimina
  49. Sono incredibilmente golosi...
    E tu hai saputo trasmettere una bellissima immagine di tuo padre.
    Buon pomeriggio e un abbraccio!

    RispondiElimina
  50. effettivaante sono attirosissimi gli ingredienti... burro e salvia sono già una deliza da soli e se ci aggiungi pancetta e scamorza, non voglio neanche pensarci!

    RispondiElimina
  51. Ely!! sei proprio speciale!..passa da me..c'è una micro sorpresina! ;)

    RispondiElimina
  52. Un post veramente bellissimo, pieno di ricordi, di amore..
    Grazie per aver condiviso con noi anche questa ricetta particolare!

    RispondiElimina
  53. caspiterina..che gran colazione
    faceva il tuo papa'...devono
    essere buonissimi..complimenti Ely..
    un bacio a te e se permetti uno
    anche al tuo papa'
    Enza

    RispondiElimina
  54. bellissima storia: mi racomando un bacino al tuo papà anche da parte mia perchè uomini così purtroppo ce ne stanno pochi... una bella ricetta delle nostre belle montagne!!! me la segno subito!

    RispondiElimina
  55. Ma che post stupendo, Ely! L'ho letto tutto d'un fiato, esattamente come avrei mangiato questo piatto buonissimo! (quando ero piccola mi piaceva tanto la focaccia a colazione!). Un abbraccio a te a al tuo papà! :)

    RispondiElimina
  56. Bellissimo il tuo post Ely! Per non parlare della colazione... un abbraccio!

    RispondiElimina
  57. Se ti va di passare da me ho lanciato il mio primo contest e se ti va di partecipare trovi tutto qui...

    http://curiosandoincucina.blogspot.com/2011/01/il-mio-1-gioco-contest.html

    Baci

    RispondiElimina
  58. che buona questa pasta ne mangerei un piattone ora subito io vado matta per la pasta.
    un bacio e...che bel ricordo!

    RispondiElimina
  59. Gli ingredienti di questa ricetta sono molto sfiziosi. Inoltre è un piatto veloce...adatto a chi, come me, ha spesso poco tempo per cucinare.
    Grazie per averla condivisa :o)

    RispondiElimina

Ho tolto la parola di verifica ai commenti, se volete potete commentare senza fare una visita oculistica prima
Grazie!