Benvenuti nella cucina di Ely

Mi chiamo Elena, ho 45 anni, sono sposata con Paolo che conosco da quando ero bambina e ho 3 figli Mattia 17 anni, Pietro 16 e Lucia 11, amo cucinare da sempre e da quando mi sono sposata ho provato, sperimentato e inventato. Il Capitano e i tre marinai si prestano molto volentieri ad assaggiare tutto quello che qui viene creato...

Dimenticavo qui siete i benvenuti! Tra farina e libri, un ago e una forbice, c'è lo spazio per un caffè e una chiacchierata in compagnia...

 factory  factory  factory

Millesfoglie di prosciutto e mele e una storia...



"... Correva l'anno mille, il piccolo borgo di Lecco, composto per lo più da marinai e pescatori, elesse come patrono della propria città San Nicolò, figura di Santo molto carismatica, tra i suoi miracoli si ricorda quello delle tre mele. In una notte molto fredda tre ragazzini per le vie della città incontrano San Nicolò, erano molto poveri ed avevano tanta fame... Il Sant'uomo mosso a compassione regalo loro tre mele... i ragazzini guardarono sgomenti questo regalo... tre mele e che cosa possiamo fare, pensarono? non sfameranno i nostri fratelli e i nostri genitori... ma le accolsero gioiosamente come un dono.. La notte mentre loro dormivano le tre mele si trasformarono in tre mele d'oro.. e così non ci fu più ne miseria ne fame per i tre ragazzini e per le loro famiglie."

La tradizione della mia città, la città di Lecco, vuole che il giorno 6 di Dicembre ogni bambino trovi accanto al suo letto una mela, rossa e lucida che abbia le sembianze del santo, per testa un mandarino, la barba fatta di bambagia e il viso disegnato da un pennarello, in testa un cappello che ricorda la tiara del papa... poi ogni famiglia arricchisce questa mela, a me per esempio è sempre stata regalata accompagnata da caramelle e torroncini e così faccio per i nostri bambini e guai se i grandi non se la trovano ai piedi del letto... Lucia questa mattina tutta emozionata ha detto "Vedi mamma San Nicolò sapeva quale volevo, questa è la mia mela (per noi identica a quella dei suoi fratelli...). Ecco è la filastrocca che da sempre accompagna questo giorno:

San Nicolò  porta i pom,

Sant Ambroeus i a fa' coeus,

La Madona i a pelaa,

El Bambin i a mangiaa.
-------
San Nicolo porta le mele,

San Ambrogio le ha cotte,

La Madonna le ha pelate,

Il Bambino le ha mangiate.


 E dopo avervi raccontato un pezzetto della tradizione pre-natalizia della mia città, passiamo alla ricetta di oggi, semplicissima ma di grande effetto o almeno per noi lo è stata, gustosa e saporita e poi dolce e delicata, un mix delizioso di sapori e sensazioni. Può essere servita come antipasto, è gluten free, quindi perfetta per chi ha ospiti celiaci e visto l'avvicinarsi delle prossime festività può tornare utile. Velocissima da preparare e molto molto gustosa.

Ingredienti x due persone:
1 mela gialla
1 hg di prosciutto cotto Ferrarini
Miele d'acacia Luna di Miele 

Con me in cucina:
Coltello multiuso perfection Fissler
Piattino della linea Dune villa D'Este Home




Procedimento:
Lavate per bene le mele, io non ho tolto la buccia, tagliatele con uno spessore di circa 1/2 cm e preparate le vostre millesfoglie, mela, prosciutto, mela prosciutto, fino a quando avrete finito gli ingredienti. Infornate a 200 gr fino a quando il prosciutto sfrigolerà. Togliete e cospargete di miele, a piacere. Buon appetito!


Con questa ricetta partecipo al contest di Stefania il contest delle (st)Renne Gluten free



60 commenti:

  1. Questa tradizione non la conoscevo, molto carina, è bello attraverso i blog venire a conoscenza di questa usanze che altrimenti sarebbe difficile conoscere!!!
    Mi piace molto questa proposta con le mele, molto molto sfiziosa!!!
    Baci

    RispondiElimina
  2. dolce la tua bimba....e dolce questa ricetta.
    buonanotte. Claudia

    RispondiElimina
  3. Bellissima ricetta, davvero complimenti! Le mie due mele di San Nicolò sono finite in forno con una ricetta molto più classica. A presto, Babi

    RispondiElimina
  4. Ciao Ely!!!!!! come stai? Che ricettina sfiziosissima, è sempre un piacere passare da te! Un bacione e a presto

    RispondiElimina
  5. Ely, come mi piace il tuo modo di scrivere e di raccontare! Che tesorino la tua Lucia!
    Ti lascio un abbraccio stretto stretto...

    RispondiElimina
  6. Una storia davver molto bella, adoro leggere queste storie tradizionali e trovo ancora più belli che le teniate in vita e che le tramandate alle future generazioni! E poi la ricetta, che dire se non: buonissimaaaa

    RispondiElimina
  7. Quanto amo le tradizioni..anch'io cerco sempre di portarle avanti con i miei figli perchè noi siamo anche questo questo! Deliziosa la ricetta con la mela...
    Un bacio cara Ely

    RispondiElimina
  8. meravigliosa la storia delle tre mele e poi le tradizioni sono sempre stupende, come la tua ricetta, complimenti!

    RispondiElimina
  9. E' tenrissima queta tradizione che non conoscevo assolutamente e la tua bimba troppo dolce. Gli occhi dei bambini percepiscono sfumature impossibili per i grandi. Sicuramente aveva ragione per la mela, non era come le altre, era la "sua" :) Sai che è davvero sfizioso questo modo di presentarle? Velocissime e fanno un figurone. Mi sa che te la copio al volo :) Un bacione

    RispondiElimina
  10. Mi piace questa millefoglie! L'alternanza di gusti!

    RispondiElimina
  11. ciao Ely, piatto davvero delizioso, mi piace molto il dolce della mela abbinato al sapore del prosciutto.
    Anche da noi si festeggia S.Nicolaus, me ne ero completamente dimenticata. E' una festa sopratutto per i bambini.
    Molto carina questa filastrocca e non la conoscevo.
    Grazie
    baci sabina

    RispondiElimina
  12. Però!!! Bellissima ricetta, molto originale!!! E La filastrocca è molto carina! Bravissima cara! Un bacione.

    RispondiElimina
  13. Non conoscevo questa tradizione, grazie.
    E la ricetta entra di diritto tra quelle da rifare subitissimo.

    RispondiElimina
  14. Bella la filastrocca e tenerissima la tua bimba :)) e la ricetta davvero sfiziosa e particolare..da fare!! un bacione ^_^

    RispondiElimina
  15. Da noi anche se in provincia di Milano, S:Nicola non si venera...da noi oggi è festa per S.Ambrogio.
    Ottima ricettina, semplice ma gustosa...e foto strepitose!
    Buonissima giornata

    RispondiElimina
  16. Nonostante l'ora questo piatto mi fa' gola ^_^
    Un abbraccio
    Sonia

    RispondiElimina
  17. Elena ma che bella questa storiella!!!!! MA una foto delle mele dei tuoi bimbi non ce l'hai???

    Intanto mi sullucchero con questa sfoglia di mele stupenda!!! Bacioni e buona giornata, Flavia

    RispondiElimina
  18. ma che bella idea!!sono bellissime!

    RispondiElimina
  19. che ricetta meravigliosa Ely, complimenti davvero...

    RispondiElimina
  20. Mi piacciono tanto le tradizioni e le filastrocche, spesso proprio legate al cibo! Bel post, complimenti Ely!

    RispondiElimina
  21. Che belle le ricette della tradizione tesoro e questa la trovo davvero amgica come la composizione di questa torretta davvero favolosa!!!baci,Imma

    RispondiElimina
  22. Che bella questa storia. Non ho un bel rapporto con i santi, ma con le tradizioni sì. Ne sto scoprendo tante nuove e mi rendo che l'italia è davvero un caleidoscopio di differenze.
    Ieri ad esempio da me è arrivato San Nicolaus e io non ne sapevo neanche l'esistenza fino all'anno scorso.

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  23. ma che bella idea!!! grazie.. mi piace un sacco! baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  24. E' sempre bello passare di qui...buona giornata!

    RispondiElimina
  25. Ciao Ely!
    Rimango sempre incantata dalle sfumature della nostra bella Italia! Quanto storie da raccontare, quante tradizioni da tramandare....
    per non parlare della ricetta: semplice e gustosa! Con i ravioli rossi di Claudette sarà sicuramente presente al prossimo aperitivo!
    Un abbraccio.
    Chiara

    RispondiElimina
  26. Sono molto legata alla città di Lecco, ma non conoscevo nel dettaglio questa storia, carinissima.
    La tua ricetta è super-sfiziosa, proprio buona!! ;)

    RispondiElimina
  27. come sempre d'effetto, Ely! Carina la storiella, coinvolgente la tradizone e straordinaria la ricetta. Brava!

    Spery di http://patespery.blogspot.com

    RispondiElimina
  28. Ma che bella questa tradizione!!!! un bacione cara!!

    RispondiElimina
  29. Splendide foto come sempre... hanno un non so che di magico... e splendida ricetta... e splendido racconto... e splendida l'autrice di tutto questo! Un abbraccio Ely!

    RispondiElimina
  30. Grazie, non conoscevo questa tradizione! e' bello saperne, leggere...
    Mi piace la presentazione delle mele,le tue foto... Bravissima!
    Silvia

    RispondiElimina
  31. Ely che bello lo sai che ti seguo da un pò!!!purtroppo ultimamente non riesco a passare e commentare ma un occhiatina la butto sempre!sono contenta che sei passata per il giveaway...buona giornata e a presto...Marika -La Maison Brocante

    RispondiElimina
  32. Grazie grazie grazie da parte di una facente parte della categoria degli emarginati, soprattutto nei periodi delle feste. In questi giorni ci rifileranno la solita bistecca con insalata o verdure grigliate. Se arrivasse al tavolo questo spettacolo io penso che piangerei a dirotto!!

    RispondiElimina
  33. Non conoscevo assolutamente questa tradizione... dolcissima tua figlia e deliziosa la millefoglie salata! un abbraccio

    RispondiElimina
  34. finalmente riesco a lasciare il commento, la mia connessione oggi fa i capricci, grazie mille per la visita e che bella questa storia e questa ricetta, adattissima al clima di Natale. Un bacione

    RispondiElimina
  35. Bella la storiella e buonissima sicuramente la millefoglie, un buon mix. Ciao.

    RispondiElimina
  36. che bella e originale ricetta, mi piace!! carina la storiella ^_^

    RispondiElimina
  37. grazie di averci raccontato un pezzettino di tradizione di Lecco, tra l'altro meravigliosa cittadina: per quanto riguarda le mele, nn mi dispiacerebbe, una mattina svegliandomi, trovarne una ai piedi del letto agghindata con prosciutto e miele!!!!

    RispondiElimina
  38. La ricetta è bellissima ma ancor di più la storia....mi piace sempre leggere o ascoltare storie come questa!!! Ciao, un bacio!!

    RispondiElimina
  39. E' bellissimo scoprire le tradizioni! Questa non la conoscevo :) grazie di averla condivisa con noi insieme a questo splendido e squisitissimo millefoglie di mela!!
    un bacione
    Laura

    RispondiElimina
  40. bellissima la storia legata alla tua città..e poi questa ricettina oltre che bellissima è sfiziosissima!!!

    RispondiElimina
  41. Queste mele così farcite sono davvero molto gustose e la storia che ci hai raccontato molto bella e non la conoscevo proprio!!! Un bacione grande e buona festa!!

    RispondiElimina
  42. Che buono Ely, so che il mio commento si perderà tra mille ma sei davvero bravissima, come cuoca e come mamma!

    RispondiElimina
  43. Ciao Ely....che bella storia, e che ricetta scenografica! anche se onestamente non so cosa ne penserebbe il mio palato "cafone" :-) però io sono una "rustica" dovrei imparare a osare gusti diversi di tanto in tanto!..Brava comunque, ma già te lo hanno detto tutti!. :-) ciao ciao

    RispondiElimina
  44. non la sapevo questa tradizione, pur essendo lombarda! deliziosa questa ricetta, presentazione superinvitante

    RispondiElimina
  45. Ely ma che delizia questa ricetta!!
    Non conoscevo la tradizione del 6 dicembre di San Nicolò..adoro le mele nei dolci, ma questa versione arricchita dal prosciutto cotto è veramente deliziosa..la proverò sicuramente!
    Un bacio

    RispondiElimina
  46. Sempre bello conoscere le tradizioni!!! ..tenerissimo che i bimbi crescano tenendole strette al cuore!!
    Adoro le mele e questa è una ricetta originale, gustosa e bellissima da presentare!!
    Un bacione cara Ely, passa un felicissimo we!!!!

    RispondiElimina
  47. la ricetta è davvero delizosa! semplice e carina davvero! che simpatica la filastrocca! :)

    RispondiElimina
  48. come creare un capolavoro da ingredienti semplici!!
    bravissima, ogni tuo post è per me un incanto!
    grazie!

    RispondiElimina
  49. Mooolto carina questa ricetta, una bellissima idea da proporre agli amici!

    RispondiElimina
  50. Cara Ely vorrei che tutte le famiglie si sforzassero di tramandare queste nostre antiche tradizioni, è cosi' bello non perdere le proprie radici, tutta questa modernizzazione rischia di farci diventare dei freddi esseri persi a correre dietro le moderne tecnologie che pare uniscano e invece ci fanno diventare sempre piu' soli!!! perdonami se ho fatto una minimorale ma la tua dolce storia mi ha ispirata!!! e mi ispira pure questa ricettina!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manu grazie! Si è quello che penso anche io e cerco di fare, sono felice che ti sia piaciuto il racconto e la ricetta :-) Un bacione

      Elimina
  51. San Nikolao della Flue è il patrono della Svizzera e leggere che anche il vostro patrono è San Nicolò mi fa sorridere. Un caso? non credo.
    Grazie mia cara Ely per la storia e per la ricetta. tra le righe mi piace pensare che ci sia scritto che per vivere in armonia basta poco ed avere tanta fede

    un bacio

    Giò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giò si hai ragione per saper vivere bene basta poco, solo che a volte noi ci affanniamo per cercare il tutto e non ci accorgiamo che lo abbiamo già.... Grazie! Un bacione

      Elimina
  52. Che bella questa storia, e che brava tu che fai vivere questa magia ai tuoi figli,semplice ma piena di valore, che resterà sempre nei loro ricordi....e la tua ricetta è troppo gustosa!!! grazie per questo soffio di serenità
    Un bacio Fabrizia

    RispondiElimina

Ho tolto la parola di verifica ai commenti, se volete potete commentare senza fare una visita oculistica prima
Grazie!