Benvenuti nella cucina di Ely

Mi chiamo Elena, ho 46 anni, sono sposata con Paolo che conosco da quando ero bambina e ho 3 figli Mattia 18 anni, Pietro 17 e Lucia 12, amo cucinare da sempre e da quando mi sono sposata ho provato, sperimentato e inventato. Il Capitano e i tre marinai si prestano molto volentieri ad assaggiare tutto quello che qui viene creato...

Dimenticavo qui siete i benvenuti! Tra farina e libri, un ago e una forbice, c'è lo spazio per un caffè e una chiacchierata in compagnia...

 factory  factory  factory

Budapest - Lecco 10 a 10


No tranquilli, non è una partita che vi siete persi, ma è il risultato parziale dell'esperienza di gemellaggio che abbiamo vissuto in questi giorni con una scuola musicale di Budapest, parziale perché si concluderà ad aprile 2012, quando i nostri ragazzi andranno ospiti di queste famiglie a Budapest. Un'esperienza per noi unica, arricchente e che ci mette in gioco come famiglia. Il ragazzo che abbiamo ospitato Leo era davvero cordiale e si è subito adattato alla nostra insana ospitalità, si  sa che siamo caotici e disordinati ma ci siamo fatti davvero tantissime risate. Per sua fortuna Leo conosceva perfettamente la lingua inglese, cosa che non si può dire di noi e soprattutto di me, ma ai miei " I like spaghetti? i like polpette? i like pizzocheri" lui rispondeva sempre, dopo aver spazzolato per bene il contenuto dei piatti "Oh... very very good...". E' stato bello condividere con lui la quotidianità delle nostre giornate, ha giocato a tris con Lucia, e ci siamo visti Shreck in inglese... è davvero bello potersi incontrare con tradizioni diverse e con culture che non conosciamo. Quando poi ieri dopo il favoloso concerto suonato insieme da ben 72 ragazzi che con la musica hanno unito i loro paesi, hanno suonato l'inno alla Gioia, inno della comunità europea, io mi sono veramente commossa e lo sono anche adesso... Si può scavalcare tutto, davvero, religione, lui recitava con noi la preghiera prima dei pasti, anche se magari non era credente, difficoltà linguistiche, non è facile comunicare con qualcuno che non capisce la tua lingua, diversità di tradizioni e cultura, magari chissà cosa gli sono sembrati i pizzocheri... se si ha la disponibilità di uscire da noi stessi, di andare incontro all'altro, di accoglierlo per quello che è, le differenze diventato spunti interessanti per conoscersi meglio e potersi accettare per quello che si è senza pretendere nulla di più. Un grazie quindi alla scuola pubblica Stoppani sezione musicale, di Lecco, che ha saputo accogliere questa sfida, che ha dei professori validi, intelligenti e disponibili, si sono messi in gioco, hanno regalato il loro tempo oltre l'orario scolastico, hanno fatto si che questa esperienza sia un ricordo permanente nel cuore dei nostri ragazzi e nei nostri cuori. Ha fatto in modo che la musica si sia fatta ponte per collegare persone che non si sarebbero davvero mai incontrate.... 


Oggi quindi nessuna ricetta se non questi pensieri ancora ricchi di emozioni.... ma vi lascio il mio ultimo lavoro a punto croce, il famoso gingerbread, fratello dell'altro cuscinetto che avevo già ricamato. Questo w.e. mi riprenderò dalle fatiche effettive che questa esperienza mi ha fatto fare ma ho già in programma qualcosina per Halloween, si proprio io che in Halloween non ci credo... ma si cambia vero?
Vi auguro un tranquillo e piacevole fine settimana autunnale...

28 commenti:

  1. Sai, Ely, ormai sono anni che vivo all'estero, dove la mia famiglia é poi cresciuta in numero. Rapportarsi e far relazionare i propri figli ad altre culture é proprio un'aiuto che apre loro la mente. Bacioni!!

    RispondiElimina
  2. Parole vere e condivise le tue!!
    Noi abbiamo avuto l'opportunità di ospitare parecchi ragazzi stranieri negli anni, ungheresi come te, danesi, inglesi, americani, russi, cechi, serbi, croati, macedoni, sud africani...e forse anche altri che ora non mi vengono in mente e SEMPRE è stata un'esperienza arricchente e fantastica. Grazie anche alle mie figlie che, come noi, fortunatamente hanno amici in tutto il mondo, ci siamo resi conto che alla fine si vive tutti allo stesso modo, con culture diversissime ma che possono perfettamente trovare nella condivisione un perfetto accordo.
    Queste esperienze ci hanno aperto la mente e ci hanno condotto ad affrontare la favolosa esperienza statunitense che ora stiamo vivendo con immenso piacere.
    Giulia

    RispondiElimina
  3. Anche mio fratello, avendo fatto il linguistico, e mia sorella che fa il turistico, hanno portato a casa ragazzi stranieri, addirittura australiani, e sono finiti entrambi in australia, con mia grande invidia!! E' un'esperienza da fare assolutamente, accresce la voglia di conoscere le altre culture, e ti fa capire quanto ogni nazione è diversa in ogni piccola cosa, ovviamente partendo dalla cucina! ;)

    Un abbraccio e bellissimo il tuo punto croce!

    Vevi :)

    RispondiElimina
  4. non ho mai fatto un esperienza così, e spero di poterla fare quando i miei bimbi saranno più grandi.. intanto mi godo il tuo racconto..

    RispondiElimina
  5. Bellissima esperienza. Ho fatto il linguistico e ho ospitato un ragazzo francece e una ragazza tedesca...ricordo ancora con piacere queste esperienze. Il confronto è sempre una bellissima cosa... Ti invidio per il punto croce...hai delle manine d'oro cara Ely...aspetto di vedere la tua creazione per halloween (anch'io non ne vado matta ma è un'occasione per...preparare qualcosina di diverso ai fornelli, no?)
    baci baci simo

    RispondiElimina
  6. che bell'esperienza...chissà come avrà gradito la tua cucina ;)
    grazie mille per averi reso partecipi. un grosso bacio

    RispondiElimina
  7. Queste sono esperienze bellissime, anche se faticose, ma ti lasciano tanto dentro e scaldano il cuore!
    Brava Ely, lo sai che ti invidio, vero?!
    baci amica mia!

    RispondiElimina
  8. Ely, sai che ho vissuto un'esperienza simile uhm...fammi pensare...36-14=22 anni fa, con la pallavolo! In casa avevamo ospitato una ragazza tedesca. Siamo state benissimo e lei dopo 4 giorni insieme, salita sul pullman, ha cominciato a piangere! Un'esperienza estremamente emozionante!
    Gli esperimenti grafici mi piacciono molto, vedrai che con gli ultimi accorgimenti farai anche prima! Baci
    Chiara

    RispondiElimina
  9. Ely...vuoi che ti faccio delle lezioni di ungherese?? ;-))
    Io sarò a Budapest fra esattamente una settimana dalla mia mammina a mangiare i nostri piatti tradizionali e ovviamente a farmi coccolare da tutti parenti che non vedo da troppo tempo..
    Bella quest'iniziativa!! Se vuoi posso sostituire il ragazzo..;-))))))

    RispondiElimina
  10. Tesoro mio sei superbrava in tutto!!! I tuoi lavori sono carinissimi! Che delicatezza... complimenti! Un bacione grande! :)

    RispondiElimina
  11. Che esperienza... si capisce dalle tue parole che è stato molto emozionante e coinvolgente.
    Delizioso anche questo cuscinetto, mi fai venir voglia di tirare fuori la mia valigetta del cucito ;) Buon fine settimana a te

    RispondiElimina
  12. Bellissima esperienza la tua... Ma tu fai tantissime cose, sei bravissima anche nel ricamo ;) Complimenti Ely! Un grande abbraccio, baci

    RispondiElimina
  13. che bella esperienza! si percepisce proprio la tua soddisfazione da questo post! gli scambi culturali sono sempre utili e piacevoli!
    baci Baci

    RispondiElimina
  14. Molto carini davvero, i miei complimenti

    RispondiElimina
  15. Ciao Ely,mi piacciono molto questi scambi di cultura credo che arricchiscono fortemente,ed è bello vedere crescere "la famiglia" in questo modo... ed è vero la musica unisce sempre!!!
    I tuoi lavoretti sempre più belli!!!!

    RispondiElimina
  16. Sono un amore tesoro come tutte le cose che ci mostri...che invidia,io nn so tenere nemmeno l'ago in mano!!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  17. Grazie cara Ely di averci resi partecipi di questa tua bellissima esperienza!!! Questi anticipi natalizi mi piacciono tantissimo e come ti ho già detto mi fanno rivenire voglia di riprendere l' ago in mano!!! Un bacio e buon fine settimana!!!

    RispondiElimina
  18. che bella esperienza sono esperienze che rendono la vita più ricca sopratutto di emozioni nuove. Bellissimi lavori ti invidio un po'

    RispondiElimina
  19. Hai vissuto proprio una bella esperienza emozionante e poi la musica veramente unisce come non altro,
    Un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
  20. complimenti alla scuola che ha sicuramente lavorato senza risparmiarsi e a tutti voi che avete saputo dargli soddisfazione traendone a vostra volta anche voi, di quei lavoretti in tempi addietro ne ho fatti parecchi, ma poi ....ho girato pagina e sono andata di decoupage.........per poi passare alla palestra .....e poi iniziare con il blog..................chissà quale sarà la prossima ^ ___ ^ buona domenica!

    RispondiElimina
  21. Ely ma che brava!!! il punto e croce mi ricorda quando ero piccolina. c'era una mia vicina che mi insegnava, era un momento sempre speciale trascorrere del tempo con lei!!! bacio e buona serata...

    RispondiElimina
  22. A leggere questo post gioisco insieme a te :D Bravi, bravi, bravi!!!!

    RispondiElimina
  23. resto sempre a bocca aperta davanti a questi lavori, quanta pazienza e passione ci metti cara, sei bravissima! un bacione e buona domemnica....

    RispondiElimina
  24. Che belli i tuoi cuscinetti a punto croce :-). Bello ospitare ragazzi stranieri, e sempre un piacere quando spazzolano i piatti puliti!

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
  25. Bellissima esperienza e splendido il racconto, grazie Ely!!!!!

    RispondiElimina
  26. che meravigliosa esperienza! l'apertura a culture diverse dalla nostra, la condivisione di tradizioni non può che portare sempre cose belle per le nostre famiglie.
    sono stata a Budapest tantissimi anni fa, ma sarebbe bello ritornarci e vedere come nel frattempo è mutata. spero potrete seguire anche voi genitori i vostri ragazzi in aprile ;)
    bacioni

    RispondiElimina
  27. Ma che belli! Mi incantano questi lavori fatti a mano, mi fanno già venir voglia di realizzare addobbi. Ciao Ely, un bacione e buona settimana!

    RispondiElimina

Ho tolto la parola di verifica ai commenti, se volete potete commentare senza fare una visita oculistica prima
Grazie!