Benvenuti nella cucina di Ely

Mi chiamo Elena, ho 46 anni, sono sposata con Paolo che conosco da quando ero bambina e ho 3 figli Mattia 18 anni, Pietro 17 e Lucia 12, amo cucinare da sempre e da quando mi sono sposata ho provato, sperimentato e inventato. Il Capitano e i tre marinai si prestano molto volentieri ad assaggiare tutto quello che qui viene creato...

Dimenticavo qui siete i benvenuti! Tra farina e libri, un ago e una forbice, c'è lo spazio per un caffè e una chiacchierata in compagnia...

 factory  factory  factory

Zaéti in compagnia di una foto ricordo...



... Di lui non ho mai saputo nulla o quasi... due o tre foto su un vecchio album, gelosamente custodito dalla nonna e poi  da me... Era basso di statura, biondo e con due grandissimi occhi grigio - azzurri... si diceva fosse un brav'uomo... Suonava il mandolino per diletto... a orecchio... ed è morto in un campo di concentamento in Germania, durante la seconda guerra mondiale, era un partigiano, di questo ne sono sempre andata orgogliosa, mi ricordo alle elementari lo dicevo con voce ferma e decisa... la nonna mi raccontava che in un sogno l'avevano avvertita della sua morte... le sue ossa avvolte in un foglio di giornale, al ritorno in Italia pesavano 22 kg.... Sono queste le notizie che ho di mio nonno Ambrogio e pur non avendolo mai conosciuto ho sempre avuto per lui un'affetto profondo... fisicamente ci assomigliamo... ho ereditato la sua bassa statura e i suoi occhi di cui vado molto fiera... e chissà quali altri tesori aveva in serbo... mi chiedo spesso se mio padre abbia preso da lui... probabilmente si... Mentre stavo preparando questi biscotti, mi è tornato in mente... non so come e perchè... biscotti semplici, come gli ingredienti con cui sono fatti... biscotti di una volta.. farina gialla, zucchero, uova e uvetta con burro, niente più... sarà che me lo immagino proprio come questi biscotti, rustico, semplice ma con un cuore d'oro, sarà che oggi la memoria è ritornata a quelle foto, mentre nel forno cuocevano, sono andata a recuperare quell'album grigio, con i segni del tempo, poche foto sono rimaste ma in quella che più mi piace, e che è l'unica che lo ritrae, è li che mi guarda... i suoi occhi... chissà cosa avrebbe pensato di me...



La ricetta di questi biscotti l'ho presa dal libro Il Cibo delle feste, casa editrice Marcianum Press, un libro ricco di ricette, di storia e di tradizione, tutte le ricette sono legate alle più importanti festività cristiane, con ricette originarie soprattutto alla cucina tradizionale Veneta, ma sfogliandolo ho trovato molte ricette che sono anche della mia cucina, sono gli stessi piatti che prepara la mia mamma e che ha imparato a sua volta dalla nonna...  E' un libro che vi consiglio vivamente, perchè ci fa dare uno sguardo a quello che era e che non dobbiamo dimenticare... Gli zaéti sono famosi anche da noi... dalla nonna li trovavo sempre nel suo vaso di vetro con il tappo rosso e con le ciliegie dipinte... 

Ingredienti (ho dimezzato le dosi che ci sono sul libro):
100 gr di burro morbido
1 punta di cucchiaino di vaniglia bourbon
2 uova
80 gr di zucchero
50 gr di uvetta
La scorza gratuggiata di 1/2 limone
grappa al miele q.b.
sale un pizzico
Latte se serve (io non l'ho usato)


Con me in cucina:

Preparazione:
In un bicchiere fate ammorbidire l'uvetta con un goccio di grappa, nel frattempo con un robot da cucina montate le uova con lo zucchero, in una ciotola miscelate le due farine, la vaniglia, il pizzico di sale e la buccia di limone. Incorporate questo composto alle uova con lo zucchero, aggiungete il burro e completate con l'uvetta. L'impasto risulterà morbido ma si riesce a lavorare bene con un cucchiaio. Riempite gli stampi e fate cuocere per 20 minuti in forno a 170°. Il profumo che si espande per la casa è splendido, l'uvetta e la grappa si sposano perfettamente con questo mix di farine... se ne avete la possibilità sfogliate un vecchio album di fotografie... tanti ricordi, un pò di malinconia... 

Ho accompagnato questi biscotti con un bicchierino di ottimo marsala secco e ho lasciato che la mia mente vagasse in compagnia di una vecchia e sgualcita fotografia...



Con questa ricetta partecipo al contest della carissima Simo  "C'era una volta..." in collaborazione con Lisa del blog Dranfly Shop,  nella categoria Pani dolci e salati, rustici da forno (Simo se pensi che possa andare nei dolci cambia tranquillamente).


65 commenti:

  1. Che meraviglioso post...e che ricordo dolce e nostalgico...Mi piace tanto come scrivi ...forse anche questo hai preso da tuo nonno....
    Complimenti Ely...complimenti per i biscotti,per le foto...per questo pezzo di storia della tua famiglia che così generosamente hai regalato
    Un bacio

    RispondiElimina
  2. Mi hai fatto emozionare di prima mattina con questo racconto. Nonno Ambrogio sarebbe fiero di te come tu lo sei di lui, ne sono sicura.
    E l'amore con cui hai sfornato questi biscotti traspare dalle foto, la seconda mi ha colpita :)
    Grande Ely, un bacione

    P.S. adoro questi biscotti...alla follia :D!

    RispondiElimina
  3. :_) lacrimuccia sulla guancia... Sicuramente sarebbe molto fiero di te e di averti tramando i suoi occhi azzurri (di cui probabilmente andava fiero ;) ).
    Quale modo migliore di ricordarlo con questi biscotti carichi di affetto?
    Un abbraccio mia cara!

    RispondiElimina
  4. mamma mia che fatica per scriverti un commento. proviamo ancora sperando che sia la volta buona.

    I ricordo sono belli perche ci accompagnano per tutta la vita anche se con un po di nostalgia e qualche lacrimuccia. I biscotti sono perfetti.

    RispondiElimina
  5. Oh mamma....ho la pelle d'oca dopo aver letto il tuo racconto! Che bella quella foto, sono certa che tuo nonno e' orgoglioso di te e si e' sicuramente commosso del post dedicato a lui!
    Un abbraccio Ely e rubo un biscottone, bello rustico come piace a me!!!!!
    Baci baci baci
    Paola

    RispondiElimina
  6. che bello questo post! deliziosi i zaeti!!baci!

    RispondiElimina
  7. ciao Ely, questo post mi è arrivato dritto al cuore, non ho conosciuto nessuno dei miei nonni e ci penso spesso. Una nonna è morta a 44 anni e gli altri 3 sono morti quando ero ancora tanto piccola.
    Per fortuna ci sono le fotografie che ci fanno fantasticare un po'.
    Non conoscevo i zaeti e mi sembrano fantastici.
    Un abbraccio
    Sabina

    RispondiElimina
  8. quanto mi piacerebbe assaggiarli, sono meravigliosi... bravissima tesoro!

    RispondiElimina
  9. dimenticavo......ho notato anche la bella tovaglia sotto i biscotti. L'hai ricamata tu? E' veramente bella.

    RispondiElimina
  10. Decisamente commovente la storia di tuo nonno tesoro e si vanne fiera perche deve essere stato un grande uomo!!!
    I biscotti sono deliziosi nella loro semplicità del resto il buono sta sempre nella semplicità degli ingredienti!!!bacioni e tvb,Imma

    RispondiElimina
  11. i biscotti devono essere ottimi...le storie di famiglia mi piacciono tantissimo. Il tuo nonno sarebbe orgoglioso di te!! baci

    RispondiElimina
  12. Mi sono commossa, bellissimo post. I biscotti li proverò senza dubbio

    RispondiElimina
  13. Sono certissima che nonno Ambrogio sarebbe fierissimo di te, come non potrebbe esserlo? Sei sempre così speciale Ely, nel tuo modo di raccontare, di cucinare, di farci partecipi di volta in volta delle tue emozioni!
    Adoro le foto antiche e piace anche a me rispolverle di tanto in tanto!
    Questi biscotti sono davvero deliziosi!
    Un abbraccio stretto stretto! Any

    RispondiElimina
  14. Grazie di cuore cara, un post e una ricetta dolcissimi.........
    lascia il commento nel mio post relativo al contest, che poi segno il tutto!
    baci

    RispondiElimina
  15. Ely, che bel post! Pieno pieno d'amore e semplicità!!! La semplicità dei biscotti che li rende buoni e genuini, l'amore per tuo nonno un uomo da cui trarre insegnamento!
    Meraviglia!!! Un bacione giulia :***

    RispondiElimina
  16. Ti dico solo che ho gli occhi lucidi....
    Un bacio
    Chiara

    RispondiElimina
  17. buoni buoni, li trovo qualche volta in un paio di bar in centro e alle volte sono l'accompagnamento al caffè ^___^ sono tipici nel veneziano, e io non li ho mai fatti .....grazie dell'idea, bacio.

    RispondiElimina
  18. A me sarebbe piaciuto avere i nonni vicino.. ma così non è stato.. per tutta la mia infanzia.. son morti prima che io potessi avere ricordi su di loro.. Ottimi questi biscottini.. smack e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  19. Sono certa che è fiero di te, vado perché se no mi commuovo un'altra volta!

    RispondiElimina
  20. una storia veramente toccante, proprio perchè è reale e perchè è narrata con i sentimenti che si sentono vivi...
    la semplicità degli ingredienti e dell'impasto rimandano alla semplicità d'animo, alla capacità di vivere e accettare il proprio destino, per quanto crudo possa essere.
    io credo che se fosse ancora qui a tuo nonno questi biscotti sarebbero piaciuti tanto...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  21. la ricetta e' bellissima... ma il post e' ancora piu' dolce... Sono sicura che ti vuole molto bene, anche se da lassu'!

    RispondiElimina
  22. Un post davvero molto tenero e la dolcissima ricetta che lo accompagna è deliziosa...Brava Ely! Un baciotto!!

    RispondiElimina
  23. Ely Ely, colpo basso stamattina: ricettina invitante di quelle che la dieta chi la segue più e, soprattutto, il cuore. Il tuo. E la meraviglia di un ricordo che l'inverno incoraggia a coltivare, nel silenzio freddo di certi giorni bianchi e luminosi. Grazie per questo piccolo dono. Maria Rosa

    RispondiElimina
  24. Ely...a momenti mi fai piangere!
    Mi hai ricordato tante cose...bellissima ricetta e meravigliose fot come sempre.
    Un bacione

    RispondiElimina
  25. Questo è il bello della "memoria", le nostre radici, il senso di appartenenza...e tu che ci doni oltretutto sempre ottime ricette!!!
    manu

    RispondiElimina
  26. Bellissimo post, un racconto toccante, soprattutto per me, che ho perso il mio adorato nonno quando avevo solo 6 anni, ma il ricordo è così vivido e l'affetto immutato, che mi basta scriverne per fare affiorare le lacrime...è stato l'unico che si è dedicato a me completamente in una , come la definisco io, corrispondenza di amorosi sensi. Secondo me ci stanno in qualche modo ancora vicino.
    ti abbraccio
    Valentina

    RispondiElimina
  27. Io lo ammetto: mi sono commossa, Ely...Questi temi mi toccano delle corde molto sensibili. Un post splendido, non aggiungo altro se non che adesso ho una voglia matta di preparare questi dolcetti che conoscevo "di nome" ma non avevo mai visto...Brava, Ely! Ti ammiro
    simo

    RispondiElimina
  28. Bellissima storia, commovente: fai ben ad essere orgogliosa di tuo nonno anche se non l'hai conosciuto.
    I biscotti invece non li conoscevo proprio ma devono essere veramente buoni!

    RispondiElimina
  29. Che bel post! Davvero molto delicato!
    Bellissime le foto e i biscotti!

    RispondiElimina
  30. che bel racconto..dolcissimo veramente...é bello a volte pensare a cosa avrebbero pensato i nonni di noi! chissà..un bacione

    RispondiElimina
  31. Avrebbe sicuramente pensato di avere una nipote straordinaria e bravissima....e si sarebbe gustato due biscotti chiacchierando con te.

    RispondiElimina
  32. Che bella storia! Anche mio nonno era un partigiano e purtroppo é morto quando ero piccolissima. Ho un unico suo ricordo che tengo strettissimo. Gli somiglio tanto e ho tantissime passioni in comune con lui, non sai quanto vorrei averlo qui! Bellissimi i tuoi biscotti e splendida la foto. Buona giornata!

    RispondiElimina
  33. QUesto è il secondo post che vedo oggi con gli Zaeti...sarà forse un segno del destino!? Non li ho mai assaggiati ma è una vita che voglio provarli! Adesso non ho più scuse, il prossimo weekend devo assolutamente mettermi a pasticciare un pò! ;-)

    RispondiElimina
  34. Grazie! Non volevo rattristarvi ma condividere con voi un piccolo pezzo del mio vissuto e spero di averlo fatto.... I biscotti sono davvero deliziosi e sono semplicissimi da fare!
    Grazdie per tutte le bellissimi e toccanti parole che mi avete detto, Sabina quella tovaglietta è un ricordo della mia nonna.... Aveva due mani d'oro...
    Grazie di cuore a tutti!

    RispondiElimina
  35. Bellissima storia Ely, e come sempre riesci attraverso le parole e le foto a trasmettere tutto quello che dal profondo del tuo cuore vuoi dirci.

    RispondiElimina
  36. Ciao Ely, il tuo racconto è bellissimo e ricco di sentimento... sono sicura che il nonno sarà fiero di te e di questo post a lui dedicato! I biscotti sono deliziosissimi! Un bacione ;-)

    RispondiElimina
  37. Bello, bello, bello questo post!... tutti racconti legati alla propria famiglia per me sono sempre magici e preziosi, come gli occhi tuoi e del tuo coraggioso nonno! un bacio!

    RispondiElimina
  38. Che bel ricordo Ely. Penso che tuo nonno sarebbe fiero di te e di questo dolce regalo.

    RispondiElimina
  39. che storia intensa!
    Mi ha colpito molto.

    RispondiElimina
  40. Leggendoti ho rivissuto un po' la storia di mia nonna che non ho mai conosciuto. Buoni questi biscotti e decisamente bello quello stampo!

    RispondiElimina
  41. Ely leggerti e' sempre un piacere..se poi mi passi pure un biscottino allora non mi smuovo piu'...baci e grazie per aver condiviso con noi i tuoi ricordi

    RispondiElimina
  42. Ciao Elena,

    approfitto del tuo blog per informarti che a causa di un problema tecnico il mio blog "la pappa al pomodoro" ha subito una lieve modifica nell'indirizzo.
    Il nuovo indirizzo comprende una "a" in più ed è diventato:

    www.lapappaalpomodoro.com

    Laddove tu abbia il piacere di continuare a seguirmi ti chiedo la cortesia di aggiornare la tua blogroll.
    Ti sarei inoltre enormemente grata se volessi aiutarmi a difforndere la notizia del cambio del mio indirizzo.
    Grazie Silvia

    RispondiElimina
  43. Un ricordo emozionante e bellissimo, una storia d'altri tempi ma in realtà così vicina... da non dimenticare mai. Ma basta guardarti negli occhi per non scordare da dove vieni, occhi azzurro cielo. un abbraccio

    RispondiElimina
  44. Questo post è meraviglioso, commovente, immagini splendide e... mi servirebbe solo un biscottino per degustare dal vivo! HI!HI!HI! Un abbraccio! Stasera se non mi addormento ti scrivo!

    RispondiElimina
  45. è sicuramente orgoglioso di vedere in te parte di lui...perchè ti vede...cercavo la ricetta di questi biscotti...
    un bacio

    RispondiElimina
  46. fantastiche cotte al punto giustoooo

    RispondiElimina
  47. Splendido il tuo post, i nonni sono dei ricordi speciali, io avevo una nonna speciale ancora adesso ho mantenuto una parte dell'armadio con le sue cose, foto, vestiti e ogni tanto vado a sentire il suo profumo, lo chiamo "profumo di nonna", è mancata tanti, tanti anni fa era 1988....
    complimenti, anche per i biscotti!! un bacio

    RispondiElimina
  48. Grazie per questo post, commovente e pieno di ricordi. Più vado avanti e più mi rendo conto di avere tanti punti in comune con mia nonna, sono sicura che tu assomigli al tuo nonno più di quanto tu possa immaginare. Questi biscotti hanno davvero il gusto di cose semplici e buone e il profumo di casa e di merende in famiglia. Un bacione enorme tesoro

    RispondiElimina
  49. Sarebbe stato orgoglioso di te, come te lo sei di lui. Un bellissimo ricordo legato a una persona che, purtroppo, il destino no ti ha mai fatto conoscere.
    Questi biscotti, semplici e rustici come li definisci te, gli rendono sicuramente onore.
    Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
  50. un post splendido, delicato e commovente...amo molto quei biscottini...un bacione...

    RispondiElimina
  51. Ciao le tue foto sono sempre bellissime... questi biscottini li conosco... e sono molto buoni

    RispondiElimina
  52. Se avesse avuto la fortuna di conoscerti (e tu di conoscere lui) avrebbe adorato la splendida donna che sicuramente sei diventata!!!!!
    Mi piacciono molto questi biscotti...rusticie veraci!!!

    RispondiElimina
  53. Purtoppo cara Ely di queste storie nelle nostre famiglie ce ne sono tante, pure nella mia e lasciano un gran senso di vuoto e di smarrimento ma...come dici tu, anche di orgoglio per le persone che sono state in vita e per quello che ci hanno lasciato, senza nemmeno saperlo.
    Le tue foto sono megnifiche, quell'obiettivo aspettava te mi sa ;)
    un abbraccio e a prestissimo,
    Vale

    RispondiElimina
  54. cara Ely, ci hai fatto commuovere con questo post. complimenti per la ricetta

    RispondiElimina
  55. Un post dolcissimo, fatto con il cuore!!!!! Un abbraccio Ely!!

    RispondiElimina
  56. dolcissimi ricordi ...dolcissimi biscotti!

    RispondiElimina
  57. del mio bisnonno, materno, invece non sono tornate nemmeno le ossa..ti parlo della guerra del '15 non possiedo la sua foto ma in famiglia c'è e me lo ricordo benissimo, quest'anno per la seconda volta ho fatto un viaggio lunghissimo per arrivare vicino Trieste per visitare dove è "disperso" il suo corpo.. va beh, deliziosi i biscottini, di sicuro gli sarebbero piaciuti, bacio cara

    RispondiElimina
  58. Avrebbe pensato tutto il bene del mondo...anche tu assomigli tanto a questi biscotti!!Grazie per questa condivisione cara,la fotografia sullo sfondo mi ha emozionato!!In bocca al lupo per il contest..intanto mi vado a riguardare la ricettina,anch'io mi ero persa un pò nei miei pensieri!!
    p.s nonno Ambrogio è stato un grande,a dispetto della sua statura!!

    RispondiElimina
  59. Avrebbe pensato che cucini sublimamente, che fotografi in maniera così spontanea da far vedere le cose con i vostri occhi, tuoi uguali ai suoi, e che sai trasmettere con le parole. Molto bello questo post, davvero toccante e nello stesso tempo sereno. Grazie.

    RispondiElimina
  60. Quanto è importante portare con se tutti questi ricordi. E come se fosse un po' vivo tuo nonno. Almeno io ho questa impressione ogni volta quando penso a mio nonno. Io ho avuto più fortuna di te visto che praticamente è stato Lui che mi ha cresciuta e per questo è cosi difficile pensarci. E non smette di far male... Però pensiamo ai vivi che dobbiamo coccolarci a vicenda. Con affetto Cara. Justyna

    RispondiElimina
  61. cara Ely hai scritto un post meravigliosamente commuovente, che parla di memoria, affetti, ricordi e tradizioni, che parla di un passato così tragico, che troppe volte si cerca di dimenticare... ma la memoria è il patrimonio più grande che abbiamo e che non va disperso.
    Sono sicura che questi biscotti fatti con amore hanno il sapore della memoria.
    un caro saluto

    RispondiElimina
  62. Mi sono commossa. Ultimamente mi capita spesso, ho perso da poco mio fratello. Ma sai che ti dico? Sono certa che quando cuciniamo il nostro amore arriva anche a loro. Tuo nonno deve essere stato una gran bella persona, un valoroso. Chissà quanto di lui è in te, in quello che fai, nel tuo amore per la cucina, per le nostre tradizioni. Tienilo stretto a te, nei ricordi e nel cuore.
    Ti abbraccio
    Sabina

    RispondiElimina
  63. che bella occasione ci ha dato la nostra cara simo, di rispolverare foto finite in fondo ad un cassetto e vecchi ricordi che fanno commuovere...
    dire che le tue immagini e le tue parole sono bellissime è davvero poco....
    complimenti, è tutto così magico qui....

    RispondiElimina
  64. Mi sono commossa con questo racconto, probabilmente perchè mi è venuto in mente il mio nonno. Anche lui è stato in un campo di contentramento, ma finita la guerra (dopo aver guadagnato qualche soldo in una famiglia di contadini tedeschi) è tornato a casa, a piedi. E' vissuto con me e la mia famiglia fino a qualche anno fa, quando si è spento per infarto nella stanza accanto alla quale stavo studiando. Avrei voluto sapere di più di questa sua esperienza, farmi raccontare quello che aveva vissuto e più di una volta avevo tentato di fargli un'"intervista" come compito per casa della scuola. Sono riuscita a strappargli solo poche parole perchè al ricordo gli si inumidivano gli occhi ed era una situazione che metteva soggezione perchè un uomo fiero e orgoglioso come lui non si pensa si possa commuovere. Quello che ho saputo è che è sopravvissuto mangiando le bucce di patate, il cibo che davano ai maiali e quando gli veniva offerto un panino lo mangiava subito, perchè ne ha viste tante di persone che mettendo via il cibo per quando avrebbero avuto più fame si sono ritrovate senza nulla da mangiare e sono morte. E so che è sopravvissuto perchè era bello, un gran bell'uomo nonostante sia arrivato a pesare meno 40 chili (1,74 di altezza). Quando è tornato in Italia ha avuto un sacco di morose (fidanzate), finchè non ha conosciuto la mia nonna e le è stato fedele fino alla sua morte. Mi manca tanto.

    RispondiElimina

Ho tolto la parola di verifica ai commenti, se volete potete commentare senza fare una visita oculistica prima
Grazie!