Benvenuti nella cucina di Ely

Mi chiamo Elena, ho 46 anni, sono sposata con Paolo che conosco da quando ero bambina e ho 3 figli Mattia 18 anni, Pietro 17 e Lucia 12, amo cucinare da sempre e da quando mi sono sposata ho provato, sperimentato e inventato. Il Capitano e i tre marinai si prestano molto volentieri ad assaggiare tutto quello che qui viene creato...

Dimenticavo qui siete i benvenuti! Tra farina e libri, un ago e una forbice, c'è lo spazio per un caffè e una chiacchierata in compagnia...

 factory  factory  factory

Tartine al latte con pinoli e semi di papavero


Quando fa così freddo, quando la voglia di uscire è praticamente sotto zero, come le temperature fuori.... quando il calore del camino mi tiene compagnia per l'intera giornata, è arrivato il momento di impastare, come già ho detto cento e cento volte, la cosa che più mi piace e amo fare, è il pane, alimento quotidiano, povero ma ricco, semplice ma pieno di magia... Le tartine sono uno dei pani che mangiavo come merenda all'intervallo in prima elementare... ricordo ancore in inverno, la corsa e i tre gradini fatti in un soffio per entrare dal panettiere, io chiedevo la mia tartina al latte, morbida profumata e lucida; Il panettiere l'avvolgeva in una carta rosa, ve la ricordate? e poi me la porgeva... Con cura la mettevo nella mia cartella, marrone con i ganci in metallo, chissà se in qualche mercatino dell'antiquariato ci sono ancora... Il panettiere segnava sul quadernetto azzurro del conto mensile l'importo e mi salutava,  e poi di corsa a scuola... Mai merenda è stata più magica... E così oggi questa ricetta, semplicissima e arricchita con dei semi di papavero e dei pinoli, per renderla più moderna, diciamo così...

Ingredienti:
300 gr circa di latte fresco intero
2 cucchiaini di sale fino
2 cucchiaini di semi di papavero Melandri Gaudenzio
50 gr di pinoli
1 bustina di lievito di birra disidratato
Qualche cucchiaio di latte per spennellare il pane 

In cucina con me:
Teglia da forno di Decora


Preparazione:
In un mixer, per me il Bimby mettete tutti gli ingredienti compresi i semi che avrete tostato in una pentola antiaderente, impastate per circa5 minuti. L'impasto risulterà morbido e liscio. Lasciate lievitare nel forno spento con la luce accesa per circaun'ora. Quando sarà ben lievitato sgonfiate l'impasto e formate tante palline rotonde, disponetele su una teglia che avrete coperto di carta forno. Spennellate con il latte e poi lasciate lievitare ancora per un'oretta. Nel frattempo portate il forno in temperatura a 200°. Quando sarà lievitato per bene mettete le tartine in forno con la solita ciotola di acqua fredda per creare umidità.
Cuocete per circa 20/30 minuti, ogni forno ha la sua storia, quando il pane sul fondo avrà un suono sordo e sarà bel colorito, toglietelo e fatelo raffreddare. 


Quando lo mangerete chiudete gli occhi e ricordatevi, il freddo, la neve, le corse da sole, non accompagnate dalla mamma o dal papà, perché una volta ci si fidava della gente e anche i bambini di prima elementare potevano andare a scuola da soli, se la strada non era troppo pericolosa; La faccia rubiconda del vostro panettiere e quel libretto blu con le righe rosse, dove si segnavano i conti della spesa perché fare credito era una cosa normalissima e poi a fine mese si tiravano le somme... Con questi bellissimi e un po' malinconici ricordi vi auguro buona domenica sera... Nell'attesa di una buona settimana!

92 commenti:

  1. Questi panini non li ho mai mangiati. La mia merenda preferita a scuola era un maritozzo deliziosamente profumato all'anice. Ma il tuo racconto è così vivo che per un attimo mi è parso di tornare bambina e metterli anch'io nella cartella. Mi piacciono tanto con tutti quei semini :) E con questo freddo vin proprio voglia di panificare. Bacioni, buona serata

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia questo pane...anche io, come te, amo impastare, è una cosa che mi rilassa tantissimo. Poi adoro i semi di papavero, in particolar modo nei lievitati...ho l'acquolina in bocca!
    Un bacione e buona domenica, GG ;-)

    RispondiElimina
  3. bello il camino acceso, fa tanto atmosfera di casa e anch'io oggi con il freddo ho pensato a impastare, ma son andata di biscotti ^___^ ciauzzzzz

    RispondiElimina
  4. bellissimo questo post.fa venire le lacrime.io in prima elementare avevo la cartella rossa con il ganci di metallo.la mamma ce l'ha ancora in soffitta..come vorrei poterla fotografare ora,ma si trova a 200 km!la merenda invece me la portava la nonna,che mela passava dalla rete della scuola e io adoravo quando lei veniva lì per me...che tempi!!!ora lei non c'è più ma è sempre,dico quotidianamente nei miei pensieri...accidenti,le lacrime mi stanno scendendo sul viso e mi si stanno appannando gli occhiali...però ti devo ringraziare,perchè è stato bello condividere con te questi miei ricordi.da ultimo,io ero una di qeulle che andava a scuola da sola,andava sola dappertutto in paese,non c'era nessun lupo cattivo che mi aspettava dietro l'angolo.non so se era ingenuità o fiducia nella gente,ma ci si sentiva tutti più al sicuro.

    RispondiElimina
  5. Sono bellissimi i ricordi legati ai profumi e ai sapori, quelli dell'infanzia poi sono impagabili!!! Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  6. i panini morbidi e profumati come le tue tartine mi ricordano le merende a casa con l'olio e il sale...ancora oggi lipropongo ai miei figli di tanto in tanto ma loro non sembrano apprezzare e allora mi sacrifico io!!!

    RispondiElimina
  7. che bell'atmosfera e carini quei panini puntecchiati :)

    RispondiElimina
  8. hhmmmmm.. che meraviglia che sono. Vederli anche senza gustarli già mi ha riscaldata! Buona fine domenica cara Ely,
    Vaty

    RispondiElimina
  9. anche a me piace cara Ely, infatti oggi pure io ho messo le mani in pasta... ottime queste tartellette!

    RispondiElimina
  10. Goduria 'sti panini, avrei giusto voglia di farcirli con ogni tipo di affettato!
    Buona Domenica ;)

    RispondiElimina
  11. Mi ispirano tanto questi panini mia cara e come sai adoro preparare il pane in sè.
    Trovo che si ala magia della cucina più grande, forse per il suo valore simbolico o perchè è il primo alimento... insomma adoro i tuoi panini e ricomincio con il sorriso la settimana pensando di addentarne uno! :)

    RispondiElimina
  12. Direi che l'atmosfera è perfetta dove trovarsi e godersi questi meravigliosi panini!

    RispondiElimina
  13. questi sì che sono belli...altro che le mie ciofeche!!!!!!!!!^_^

    RispondiElimina
  14. che meraviglia! Ely sei unica!
    T abbraccio forte!
    paola

    RispondiElimina
  15. Cara... quanti ricordi mi porta la neve e il tuo racconto d'infanzia. Anche io a sette anni andavo a scuola da sola. Ben tre chilometri di strada e non mi sentivo mai in pericolo. Anzi c'era sempre qualcuno pronto a darti una mano. Oggi il mondo ha perso un suo tocco sicuro ed è caduto nella trappola della sfiducia. E poi vestiti inzuppati di neve dopo aver allungato la strada all'infinito per salutare tutti i pupazzi di neve. Beh... Erano tempi diversi... che non vuol dire che non possiamo combattere per migliorare la realtà d'oggi. Mi piacciono le tue tartine!
    Un caro abbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina
  16. Stupendi questi panini!... dici niente, fare il pane è complicatissimo!
    ...io mi ricordo che prima di andare a scuola, passavo al panificio in piazza e prendevo una focaccina tonda, croccante e profumata...bei tempi! :)

    RispondiElimina
  17. Panini morbidi, soffici e profumati...mi sembra di sentirne l'odore. Che meraviglia. E belle le foto.
    Qui ho un piccolo regalo anche per te.
    http://www.cooknbook.org/2012/02/versatile-blogun-regalo-per-me.html
    Baci
    Sabina

    RispondiElimina
  18. il pane suscita sempre un certo fascino...queste tue pagnottine con semi di papavero sono una vera delizia!
    brava Ely
    simonetta

    RispondiElimina
  19. un post davvero magico e profumato... adoro il pane fatto in casa, e i pinoli e più di tutto i semi di papavero.... che mi sanno di nonna, di freddo fuori e tanto amore

    RispondiElimina
  20. Questa ricetta è magnifica.. non sapevo si chiamasseto tartine.. per me son dei mangifici panini!!! me la segno... la voglios enz'altro provare.. semini comrpesi... bacioni

    RispondiElimina
  21. Che buone le tue tartine al latte! Anch'io oggi non sono uscita e ho fatto una brioche, ci vuole tempo e questa mi è sembrata la giornata ideale. Sono stata ad impastarla lentamente e a guardarla crescere! Buona settimana, Laura

    RispondiElimina
  22. E' vero, che bei ricordi...
    ...e che deliziosi panini!!!
    Quelli non sono cambiati...ma per il resto...nulla è più come prima, che nostalgia........
    Un bacione e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  23. Questi panini sono una meraviglia e i tuoi ricordi dolcissimi!

    RispondiElimina
  24. che bei ricordi Ely, sono rimasta incantata! buona settimana...

    RispondiElimina
  25. con il freddo si sta proprio volentieri a casa al calduccio, anch'io oggi ho impastato, ma la pizza...questi panini devono essere buonissimi ^_^
    buona serata

    RispondiElimina
  26. Veramente splendidi questi panini con i semi di papavero. Simonetta

    RispondiElimina
  27. anche io adoro impastare quando fa freddo!!
    non crederai mai quante cose ho preparato tra ieri e oggi! anche io ho fatto dei panini con pinoli ieri e oggi con semi di papavero! con il bimby! :D li trovo deliziosi! ottimi panini cara!! ricordo la carta rosa a malapena!

    RispondiElimina
  28. che bei tempi che dovevano essere... Mi ricordi le storie della mamma, anche lei si fermava a comprare le merenda sulla strada di scuola... Io sono stata sempre accompagnata da bimba, quindi niente ricordi da forno, ma posso sempre fare il tuo pane e godermi il profumino caldo di pane dal forno!
    Alessandra (scoiattolo)

    RispondiElimina
  29. Fantastica merenda!! Io quando frequentavo le elementari vivevo in Liguria, e la mia merenda era un bel pezzo di focaccia, da infilare nella cartella..come la tua...quanti ricordi!!! Un bacione e complimenti per questi panini!!!

    RispondiElimina
  30. A me rifilavano sempre i crackers e io puntualmente elemosinavo un pezzo di focaccia bisunta alle mie amiche perchè morivo di fame!!
    Che belle pagnottelle hai fatto!
    Cmq la cartella con i ganci l'avevo anch'io!!!!

    RispondiElimina
  31. Ciao Ely, questi panini mi sembrano ottimi, anch'io stasera ho fatto i panini avevo voglia di sentire il caldo e il profumo che si espande in cucina, buona settimana, Alex

    RispondiElimina
  32. Come ti capisco, anche io con st freddo di uscire non ne ho voglia, così ne approfitto per pasticciare un pò in casa! Queste tartine sono davvero molto invitanti! Chissà che buone!

    RispondiElimina
  33. E' vero Ely era un altro mondo, andavo a scuola da sola in quinta elementare, unico problema era attraversare la via Emilia, ...oggi mio figlio non si muove proprio da solo, devo sempre accompagnarlo, non c'è da fidarsi di niente e nessuno!

    RispondiElimina
  34. Come mi attira con tutti quei semini... un pane che sa di casa, una vera coccola! Bacioni

    RispondiElimina
  35. è bello coccolarsi così!!!!! baci.

    RispondiElimina
  36. Bellissimo questo post dei ricordi, anch'io adoro fare il pane e questi panini sono davvero deliziosi, complimenti e buona settimana...

    RispondiElimina
  37. Uh mamma che piccole delizie!!! Una meravigliosa coccola!!! Buona notte!

    RispondiElimina
  38. Anche io come te ho una passione per il pane e impasto spesso soprattutto in queste domeniche piovose. Questi panini sembrano deliziosi. Non li ho mai mangiati ma li metto tra i preferiti per provarli quanto prima.

    RispondiElimina
  39. Ely che belle! il titolo mi ha tratto in inganno.. le tartine le intendevo in altro modo.. e invece, che bella sorpresa, devono essere buonissime!

    RispondiElimina
  40. Che bel post nostalgico...mi è molto piaciuto come i panini al latte "moderni" che da noi non si chiamano tartine!!!
    Buona setimana

    RispondiElimina
  41. Che meraviglia! Anch'io mi ricordo che andavo a prendere il pane per la merenda in latteria " dalla Renza" ...che ricordi magnifici!! Questo pane mi piace un sacco, morbido e profumato...lo faccio anch'io ma di solito metto le noci! Provo questa tua versione, grazie ^__^

    RispondiElimina
  42. Che belli questi panini! Li mangerei tutti in un boccone!

    RispondiElimina
  43. Que maravilla de pan un bocadillo recién hecho lo máximo en recuerdos me encantan,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  44. in questi giorni di neve e temperature sotto zero è bello starsene a casa e coccolarsi..con il pane fatto in casa. Mi piacciono moltissimo i tuoi panini. bacioni cara

    RispondiElimina
  45. Che meraviglia Ely! Li proverò in versione GF. Un bacione

    RispondiElimina
  46. eh si carissima ELy, certe cose ti rimandano indietro come una catapulta, certi odori o profumi ti fanno essere in un attimo proprio là, dove eri felice, dove non avevi nulla, ma proprio nulla di cui aver paura, perché c'era tutto il mondo pronto ad accoglierti..
    io aspettavo che arrivasse il panettiere (era mio zio) che portava il sacchetto del pane, ed anche una brioche che amavo: mi ricordava una margherita, era grande come una mano di mio papà, lucidissima di pennellate di acquaezucchero. Che buona! non ne ho più trovate così.. proprio non le fanno più! sigh!
    Ma le tue tartine mi incuriosiscono, con i pinoli, buoneeee!
    Un bacione, grazie del bel ricordo.

    RispondiElimina
  47. Che belle, e sembrano morbidissime! Ma si chiamano tartine? Io pensavo che le tartine erano quei tramezzini aperti che se servono alle feste... o possono essere tartine anche queste?

    grazie e ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
  48. Quanti ricordi, e quandi altri me ne hai fatti venire in mente.
    Farò i panini e chiudo gli occhi, promesso :-)

    RispondiElimina
  49. Gran bella ondata di ricordi, in parte condivisi...la cartella, andare a scuola da sole...Un abbraccio! :-)

    RispondiElimina
  50. E si ci hai riempito il cuore con questo post tesoro e anche gli occhi visto la meraviglia di questi morbidi tortini tesoro!!baci,Imma

    RispondiElimina
  51. il pane... quanto lo amo... soprattutto se fatto in casa e con amore...
    un abbraccio e complimenti alle tue mani e alla tua fantasia...

    RispondiElimina
  52. Ricordi del tempo che fu, ma anche di oggi, almeno per me. Il mio figliolo, liceale neo diciassettenne trendy e indipendente, non rinuncerebbe alla merenda per scuola fatta di panini come la tua ricetta, focaccia e pane con l'uva fatto rigorosamente in casa. La differenza è che allora c'era il fornaio che preparava queste bontà, oggi si fa in casa perchè il fornaio non li tiene più, sono cibi fuori moda!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  53. gioia, tu sei troppo brava qualunque cosa tu faccia! compliementi e bacioni :-X

    RispondiElimina
  54. Sono semplicemente deliziose a vedersi e golosissime a immaginarsi. Nello zaino delle ciaspolate devono starci proprio bene ;)

    RispondiElimina
  55. p.s. sabato sera ho cucinato la focaccia...peccato che non avevo la zucchina e la ricotta salata....altrimenti sarebbe stata ancora più deliziosa!
    ilaria

    RispondiElimina
  56. Ely, quando ho un attimo di tempo passo dalla tua cucina dove trovo sempre piattini deliziosi e una magnifica aria di serenità.... passa da me perchè ti ho pensato per un premio (ma è possibile che tu non l'abbia ancora ricevuto da nessun'altro?)

    RispondiElimina
  57. Ciao a tutti!!!!! Grazie per i vostri bellissimi commenti!!!! Da noi questi panini al latte si chiamano tartine non so come mai :-))))
    Un bacione e buona settimana!!!!

    RispondiElimina
  58. Che bei ricordi Ely e che buone focaccine o, come si chiamano dalle tue parti, tartine!!! Soffici come piacciono a me ne mangerei una decina!!! Ottimo consiglio per uno spuntino goloso...Un bacione!

    RispondiElimina
  59. Davvero stupendi!!! Bravissima come sempre!! Un bacione.

    RispondiElimina
  60. oltre ad essere bellissimi saranno di una bontà infinita..adoro le tue ricette e il tuo blog

    RispondiElimina
  61. Ho gli occhi a cuore guardando questa meraviglia...sembrano cos' soffici :)

    RispondiElimina
  62. Che delizia! Mi hai fatto venire davvero voglia di provarle col tuo racconto! :)

    RispondiElimina
  63. in casa con il freddo di questi giorno, fa venire proprio voglia di impastare. A presto

    RispondiElimina
  64. ciao ely inizio con le scuse... ogni tanto non riesco a postare i commenti da te ma passo a trovarti... se poi sono con il pc basta sono finita!!! che freddo che fa anche qui in Brianza, e chi se lo ricordava un freddo simile???!!! hai proprio ragione: camino, forno e mani in pasta sono un preteso perfetto per stare a casa!!!
    buona giornata!

    RispondiElimina
  65. ely..15' posto nella classifica dei miglior blog di cucina.. o qualcosa del genere! wao!

    RispondiElimina
  66. Che delizia sofficiosa vedono i miei occhi Ely. Mi sembra di sentire il profumo da qui.

    RispondiElimina
  67. Che belli e quanto sono coccolosi! Con questo freddo chiudersi in casa ad impastare è bellissimo. Che bei ricordi, ogni tanto ci penso a quanto fossimo liberi da piccoli, peccato che oggi i bimbi siano circondati da paure e pericoli di ogni tipo, è davvero impensabile farli crescere come siamo cresciuti noi. Buon lunedì, Babi

    RispondiElimina
  68. fai sempre delle cose buonissime, queste tartine mi ricordano l'ungheria dove i semi di papavero li mettono in tante ricette e preparazioni dolci e salate

    RispondiElimina
  69. Meravigliose queste tartine! Delicate e profumate, troppo brava!

    RispondiElimina
  70. molto belle,e che foto...tutto impeccabile come sempre0_0

    RispondiElimina
  71. Ciao Ely!!!!! come stai? che bello passare a trovarti! Queste tartine sono favolose. ma sai che non le conoscevo proprio? Dovrò provarle....sono bellissime con tutti quei semini! Un bacione cara Ely, a presto

    RispondiElimina
  72. Che splendore ragazza... hai fatto proprio una bellissima ricetta.
    Come si fa a non accendere ilforno con questo freddo? E' l'ideale per scaldarsi e per sfornare piatti meravigliosi.
    Mi hai proprio fatto venire una voglia di panificare........ :-)

    RispondiElimina
  73. Ciao! Sono felicissima di aver scoperto il tuo blog! Fantastico! Poi questa ricetta è perfetta....poi legata ai ricordi è ancora più bella! Notte cara! A presto...Anna.

    RispondiElimina
  74. Ma le tue ricette sono fantastiche! E che dire delle foto, mi piacciono tanto le ambientazioni!
    Un dolce abbraccio...
    Elly (Dolce Mania)

    RispondiElimina
  75. Il pane profuma e riscalda sempre la casa, soprattutto in giornate come queste!
    Ottime le tue tartine, mi piace l'aggiunta dei semi e de pinoli!

    RispondiElimina
  76. A me panini e schiacciatine la mamma li preparava in casa e poi a scuola io li barattavo con le merendine confezionate di una compagna un po' credulona o forse molto più sveglia di me, che a 7 anni aveva già capito che home-made is better!

    RispondiElimina
  77. Mmmmm sento il profumo da qui! Devo provarli!

    RispondiElimina
  78. Sembrano bunissimeee!!!!!!Devo provare a replicarle anche se io con la cucina non sono proprio un grankèè

    ele

    RispondiElimina
  79. Ely, ho sentito profumo di pane e dolci ricordi di bambina anche io!!! Quella cartella che dici ancora la conservo in soffitta, perchè la mia mamma, l'ha custodita per me!! Riesci sempre ad evocare una magica atmosfera nei tuoi post!
    M'hai fatto venir voglia di correre ad impastare!!
    Ti abbraccio! Any

    RispondiElimina
  80. che bontà!!! Il tuo blog mi piace moltissimo! A presto!!!

    http://petitecuilliere.blogspot.com/

    RispondiElimina
  81. che splendore Eli...panini soffici che fanno venire voglia di riempirli :)
    e in questi giorni accendere il forno riscalda subito l'atmosfera di casa :)
    un bacio!
    Giulia

    RispondiElimina
  82. Da intollerante al glutine guardo con invidia l'interno di questi panini... Prima o poi anch'io riuscirò a farne di così morbidi e buoni :)

    RispondiElimina
  83. Le tue tartine sono splendide. L'immagine del camino è bellissima!
    Un bacione grande grande

    RispondiElimina
  84. Bellissimi ricordi! la mia cartella deve essere ancora da qualche parte, nella cantina di mia mamma. Quelle delle mie figlie, entrambe di cuoio e fibbie in metallo (eh, si, nessuna concessione a Barie o mostrilli vari!) sono nella nostra cantina. Le merende, ieri come oggi, focaccia, tipica di Genova! La carta un po' unta che rendeva necessario un sacchetto, a protezione di libri e quaderni.
    Queste tue tartine, però, sono deliziose: copiata ricetta. Per gustarle chiuderò gli occhi, ti assicuro!

    RispondiElimina
  85. Un tenero ricordo per una ricetta davvero speciale! Ne sento il profumo... Un abbraccio

    RispondiElimina
  86. Cara Ely, sei magica come il pane che fai...una meraviglia queste tartine!
    Un bacione,
    Claudia

    RispondiElimina
  87. piccolo panini per gioiose merende, per dirsi che ci si vuole bene
    un bacione

    RispondiElimina
  88. Meravigliosa questa ricetta, assolutamente da provare. La mia Greta è super-golosa di panini al latte :)

    Grazie per la ricetta.
    Ciao ciao
    Federica

    RispondiElimina

Ho tolto la parola di verifica ai commenti, se volete potete commentare senza fare una visita oculistica prima
Grazie!