Benvenuti nella cucina di Ely

Mi chiamo Elena, ho 46 anni, sono sposata con Paolo che conosco da quando ero bambina e ho 3 figli Mattia 18 anni, Pietro 17 e Lucia 12, amo cucinare da sempre e da quando mi sono sposata ho provato, sperimentato e inventato. Il Capitano e i tre marinai si prestano molto volentieri ad assaggiare tutto quello che qui viene creato...

Dimenticavo qui siete i benvenuti! Tra farina e libri, un ago e una forbice, c'è lo spazio per un caffè e una chiacchierata in compagnia...

 factory  factory  factory

Pensieri.... e polpettine di lenticchie morbidissime

Giorni silenziosi, pc spento, tanti pensieri, tante preghiere e tante domande senza risposta....
So che questo post potrebbe sembrare sconclusionato, pesante e lungo, ma ho bisogno di vedere nero su bianco i miei pensieri e le mie riflessioni...
Sabato pomeriggio esco per le ultime compere, un bel mazzo di margherite e tulipani che pensavo di trasformare in un bouquet come centro tavola e come segnaposto. Il cellulare lo lascio sul mobile di casa, il fiorista e proprio qui fuori e poi io non sono un'amante del telefonino....
Scelgo i miei fiori e rientro, sulla porta di casa Mattia mi  accoglie con una frase "E' morto il fratello del Francy".... Ehhhhh l'Andrea?
Mio Dio... e mi siedo..
Cazzo, cazzo cazzo (e forse anche qualcosa di più).
Subito penso ad Andrea cerco di ricordare la sua età 44 anni,  ad Emi e ai suoi figli, a Francy e Antonella amici da una vita, compagni di un cammino di fede e di avventure e confidenze... Ai genitori di Andrea....
Mio Dio...... E poi il dubbio, ma sei sicuro? Mi rivolgo a Paolo... si ha avuto un infarto, non contenta richiamo l'amica che mi ha appena cercato sul cellulare.... La voce incrinata e spaventata mi da la conferma... E' morto Andrea.... Comincio a fare mente locale delle persone che si posso avvisare, della catena da far partire, e mi accorgo chiamando gli amici che è già partita.... Un altro pensiero, oggi ci siamo domani non si sa.... Tanti altri pensieri si affacciano, si aggrovigliano vogliono essere i primi... 
Ed ora cosa farà Emi? i ragazzi? Mio Dio che dolore.... che disgrazia... Il telefono squilla, comunicando la data del funerale, il rosario, no forse due è troppa la gente che lo conosce... e io ne mio cuore continuo a pregare... per cosa... non lo so. Ho imparato da quando il dolore e le malattie sono state vicine alla mia famiglia che non chiedo mai a Dio il perché... la risposta potrebbe spaventarmi.... e tante volte non prego per cosa.... destinerà lui dove meglio crede le mie povere preghiere, per chi invece lo voglio decidere,  le facce degli amici che porto nel cuore mi si stampano davanti e comincio in silenzio mentre preparo gli antipasti per la Pasqua che sarà.... Pensandoci da un punto di vista di fede che è l'unico che mi appartiene in queste situazioni questa è una Pasqua, la morte e l'attesa della resurrezione... Quanto dolore.... certo anche Gesù non sorrideva mica all'idea di morire ho pensato.... Sia fatta la tua e non la mia volontà...

E comprendo ancora una volta che i fili della nostra vita non siamo noi a condurli, scioccamente pensiamo da uomini di potere, di poter decidere tutto noi, ma quanto siamo stupidi? Il successo, il potere, il voler arrivare dove nessuno e mai arrivato.... in un secondo possono sparire... e rimane quello che siamo, "Ricordati che sei polvere e polvere ritornerai..." Da bambina questa frase mi faceva paura ora no... Perché ho la certezza che qualunque cosa succeda della mia vita in bene e in male, alla fine sarò li... E allora non che non debba più organizzare le vacanze, pensare al mio futuro e a quello della mia famiglia, non ridere più e lasciarmi andare perché potrebbe succedere anche a me di morire così.... Ma ho scoperto o forse riscoperto la consapevolezza che io posso fare e decidere fino ad un certo punto, non posso passare avanti, e pretendere di sapere e di fare tutto perché è solo un illusione che il buon Dio ci regala.... Il cammino lo faremo insieme , lungo o corto che sia e alla fine la strada la deciderà lui, per me per Paolo e per i miei figli....
Ora tutto pian piano ritornerà alla normalità come è giusto che sia e sarebbe un peccato non godere delle gioie de delle bellezze che abbiamo, caricate dai problemi di ogni giorno e magari da qualche difficoltà un po più grande.... ma con la certezza di non affannarmi troppo per fare, per avere, per quello che non è importante... Scorgere con il cuore le perle che bisogna conservare.

Questo che ho scritto è servito a me, comprendo che tra chi mi legge ci siano persone che non la pensano così, perché toccati ancora più da vicino dalla morte o dalla malattia di persone care e non hanno fatto i miei stessi pensieri, ma  questo blog è il mio diario quotidiano personale e i pensieri oggi sono usciti così.....

Ed ora perché la Ely è sempre la Ely ecco una ricettina veloce semplice che ho preparato il Venerdì santo.


Ingredienti:
2 patate grosse lessate
1 spicchio d'aglio
2 foglie di alloro
2 cucchiai di olio extra vergine per friggere
Formaggio grattugiato a piacere (facoltativo)
Farina di riso per infarinare



Con me in cucina:
Ciotolina arancione Poloplast
Ciotoloa rossa Omada

Preparazione:
Lessate in pentola a pressione le lenticchie con l'aglio e l'alloro per 15 minuti. Scolatele e lasciatele raffreddare. Con un passaverdura per me Passì Ariete, griglia con i buchi più grossi (altrimenti non riuscirete a passare nulla) passate le lenticchie con le patate e lo spicchio d'aglio. Aggiungete il sale e il formaggio (se volete aggiungerlo) e formate le polpettine, infarinatele e con un forchetta premete leggermente per renderle piatte.
In una pentola antiaderente mettete due cucchiai di olio, ma solo due cucchiai altrimenti le polpette si scioglieranno, e fatele dorare da entrambe le parti. Fate assorbire l'olio in eccesso su della carta da cucina e servite subito caldissime, noi le abbiamo accompagnate con dell'insalata fresca e persino Lucia le ha mangiate con gusto, vi ribadisco di stare attentissimi sulla quantità d'olio, le polpette non avendo nessun legante nell'impasto come l'uovo, rimangono morbide una sorta di purè, se si usa troppo olio si sciolgono, io le prime due le ho ritrovate sciolte nella padella e così ho provato con solo due cucchiai e sono venute come in fotografia. Sono delicatissime e si rompono ma sono squisite. Senza l'aggiunta del formaggio penso possano essere consumate anche da chi è vegetariano o vegano,  Franci mi confermi? Sono anche gluten free perché per infarinare ho usato la farina di riso. 


Questo lunghissimo post termina qui, con l'augurio di un sereno giorno di Pasquetta, auguri a tutti gli amici Angeli e le amiche Angele che passano di qui, ho ricevuto moltissime ricette per il contest e aggiorno appena possibile la lista e passo a trovarvi, in questi giorni davvero non me la sono sentita di accendere il pc, spero possiate perdonarmi ma tutto viene e tutto passa ed eccoci di nuovo qui.

Un grandissimo abbraccio a tutti voi!

75 commenti:

  1. nessun altra parola che buona pasqua. in tutti i sensi. non sono religiosa ma capisco benissimo il senso della perdita.

    RispondiElimina
  2. Favolose queste polpette , non le ho mai fatto ma vorrei provarci. Buona pasquetta.

    RispondiElimina
  3. Ely, avevo intuito tu fossi una grande persona, ma ora ho la conferma. Hai il cuore grande come una casa! Non chiedere scusa per quello che scrivi, continua ad essere come sei! Ti abbraccio forte, più forte che posso, anche se ho le braccia da grillo!

    RispondiElimina
  4. che meraviglia di polpettine!!! complimenti, devono essere proprio sfiziose!!! :) tanti auguri di buone feste :)

    RispondiElimina
  5. ciao mia cara... mi dispiace immensamente per questa perdita.. ti capisco perchè 6 anni fa è morto mio cognato lasciando dei bimbi piccoli.. sono dolori immensi, poi come dici tu, tutto riprende nella normalità come forse è giusto che sia, rimane l'amore per questa persona e la sensazione che non sia vero.
    con la consapevolezza che oggi ci siamo domani... chissà, sarebbe davvero bello riuscire a godere sempre delle cose che abbiamo.. ti mando un forte abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  6. Circa 45 anni fa è successo qualcosa del genere a me... mio padre, giovane come il tuo amico se ne andò, così improvvisamente, senza preavviso... a meno di un mese dal Natale. Natale non è stato più lo stesso. Io ero una bambina piccola, appena otto anni, arrabbiata con Gesù e gli angioletti che lo avevano voluto con loro, mentre io lo volevo con me. Un tradimento, mi dicevo! Mi sono portata dietro questa rabbia per tanti anni!
    Non mi viene voglia di elogiare il tuo piatto, che tanto sai che da anni apprezzo quello che porti in tavola.
    La mia vicinanza alla famiglia dei tuoi cari amici. Vorrei dirti con fede... ma in questi momenti non ci riesco proprio! Ma con il cuore, il pensiero sì. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Grazie... Grazie... Grazie.... Vi abbraccio!
    Ely

    RispondiElimina
  8. Condivido le tue parole!
    Ci sono momenti come questi in cui uno si ferma ... non abbiamo mai tempo per fermarci e pensare e chissà perchè riusciamo solo a farlo in queste spiacevoli e devastanti situazioni ...
    Capiamo quali siano le cose importanti della nostra vita, le piccole cose, la nostra famiglia, le cose che ci fanno star bene ... poi rientriamo nel turbine della vita, del lavoro, della routine sempre in cerca del di più, dei soldi in più etc ...
    Così è la vita .. un continuo tira e molla tra pensieri, riflessioni e l'essere sempre in corsa verso il domani!
    Un abbraccio
    Monique

    RispondiElimina
  9. Davanti a eventi del genere rimango senza parole, frastornata, incredula e mi chiedo che senso abbia affannarsi e correre tutto il giorno tutti i giorni senza aver più la capacità do godere delle piccole cose. Mi sento stupida! Ti abbraccio forte forte tesoro, con tanto affetto...

    RispondiElimina
  10. Ely scusami se le tue polpettine mi passano in secondo piano dopo aver letto così attentamente il tuo post.. Io ne ho perse di persone a me vicine.. tra le quali amici... fidanzato.. Ci son stati momenti in cui proprio non riuscivo a pensarla come te.. ero così arrabbiata.. non capivo.. mille perchè.. e domande senza risposta!!! Ma poi la rassegnazione.. il capire che è esattamente come dici tu.. noi possiamo decidere della nostra vita fino ad un certo punto.. c'è una volontà più grande di noi.. la vita... decide per noi a volte ed è tanto .. ma così tanto dura!!!! Io ti abbraccio forte.. ed abbraccio i familiari di Andrea. Buona Pasquetta cara

    RispondiElimina
  11. mi soffermo sulle tue parole e sulla morte di andrea, in questi giorni sento parlare solo di queste morti improvvise di persone quasi coetanee ho quasi 37 anni 3 figli avuti con tanta attesa e ora ,ora da giorni mi sta crollando il mondo addosso! paura che qualcuno ,qualcosa mi tolga tale gioia di vederli crescere . non so cosa dirti ,appena visto il post su fb ho pensato,finalmente la ricetta con le lenticchie che volevo,ora passa in secondo piano anche se l'adoro.ti mando un bacione veronica

    RispondiElimina
  12. Di tutto questo post di oggi, mi stupiscono i commenti..forse non tutti hanno letto.
    Le polpette non sono importanti oggi.
    La perdida di una persona cara è sempre un sassolino che ci portiamo dietro, che ci ricorda e ci aiuta a crescere.
    NOn è facile, soprattutto per la moglie e i figli..ma è la vita, bella o brutta che sia.

    RispondiElimina
  13. ciao Ely
    hai visto? come siamo fragili!! dovremmo ogni giorno cominciare con una preghiera che si concluda con sia fatta la Tua volontà e guida Tu il mio cammino di questa giornata!
    Il dolore rimane, per tanto tempo è inutile negare ma Lui ci ha fatto dono della rassegnazione,sentimento nobile e non meschino, perchè è medicina dell'anima!
    Grazie di aver voluto "parlare" con noi...ti ho "ascoltata" con molto affetto!!
    baci e da oggi tutto come prima ( per fortuna)

    RispondiElimina
  14. Cara Ely, condivido tutto quello che hai scritto, la morte da paura,ma come hai detto tu, essa e' l'inizio di una nuova vita meravigliosa, forza e coraggio e sempre avanti. Un bacione...

    RispondiElimina
  15. Ti sono vicina per questa perdita improvvisa! La perdita fa parte della nostra vita,ma non si accetta mai....

    RispondiElimina
  16. Buona Pasqua a te e a tutta la tua famiglia , con le gioie e i dolori di ogni giorno non possiamo che ringraziorlo sempre e affidarci al Suo amore di Padre. Un abbraccio.
    Piera

    RispondiElimina
  17. Per ciò che sto vivendo per mia figlia, le hanno asportato la tiroide con due noduli maligni, ho smesso di chiedermi perchè, tanto non c'è risposta, ma la rabbia è tanta, con tanti delinquenti che ci sono in giro vengono invece colpiti gli angeli, più o meno adulti ma angeli che dalla vita dovrebbero ricevere solo il bene che hanno dato. Vorrei vedere una giustizia in ciò che succede ma in questo momento non vedo nulla, dovrei recuperare un po' della fede che avevo e invidio chi in essa trova conforto.
    Un abbraccio a te e un bacio all'angelo che è volato in cielo.

    RispondiElimina
  18. Sai perfettamente che a mio marito è capitata la stessa cosa da bambino...ha perso il papà di 43 anni nello stesso identico modo.
    Quindi puoi immaginare che capiamo in pieno le tue riflessioni...anche se a volte è difficile anche riuscire a trovare la forza di pregare.
    Al momento ti viene solo da Dire: Dio mio...Dio mio perchè mi hai abbandonato?
    La frase che Gesù ha detto sulla croce...in quel momento era anche lui umano...e umanamente a volte non si riesce e non si capisce il perchè di questa croce così grossa ed improvvisa da accettare.
    Forse mi sono espressa in maniera un pò contorta, ma voglio dirti che solo il tempo e la preghiera ci possono aiutare a lenire un dolore così forte e grande. Capire la Sua volontà è difficile, soprattutto di fronte a eventi come questo.
    Ma resta la certezza che come dici tu siamo davvero polvere...che con un soffio di vento può volare via.
    Ti abbraccio amica mia...

    RispondiElimina
  19. Non ci sono parole per descrivere il senso di vuoto e di smarrimento che colpisce le persone che hanno una perdita, comprendo bene, ci sono passata pochi mesi fa con il mio papà...Ti abbraccio forte..

    RispondiElimina
  20. Ely, quanto dolore...Ti abbraccio forte, non serve ma lo faccio lo stesso!!! P.S. Bellissima ricetta!

    RispondiElimina
  21. grazie per le tue riflessioni e il tuo dolore condiviso...quello che scrivi fa pensare e riflettere ed è giusto , ogni tanto, fermarsi e rendersi conto semplicemente di cos'è la vera vita...un grande abbraccio

    RispondiElimina
  22. Un abbraccio forte a te e mille preghiere per i tuoi amici
    Un bacio

    RispondiElimina
  23. Cara Ely,
    non è facile avere la lucidità e la consapevolezza che hai tu nell'affrontare un lutto così vicino e inaspettato, credo che questa calma e la forza che ti da' la fede siano le armi migliori per andare avanti senza farsi sopraffare dal dolore, anzi cercando di trasformarlo in spinta positiva per vivere il domani.
    Io ho letto questo spirito, sereno e positivo, nelle tue parole seppur la tristezza non si nascondesse e mi ha dato una bella spinta in un periodo in un po' strano.
    grazie e un forte abbraccio
    Claudia

    RispondiElimina
  24. Ciao Ely e Buona Pasqua anche da parte mia. Non aggiungo niente perchè hai già detto tutto tu, un bacio e tanto amore a chi resta, chi se ne va, va in un posto migliore è chi resta che resta in una vera valle di lacrime, solo l'amore ti può salvare e non è mai abbastanza.

    RispondiElimina
  25. Mi dispiace immensamente Ely della tua perdita, ti capisco bene sai, anch'io sono andata proprio stamani al funerale di un caro amico, che dire? Solo che condivido parola per parola quello che hai scritto!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  26. Non ci sono parole da dire o scrivere in questi momenti. S avrebbe solo voglia di sbattere tutto a terra e gridare che non è giusto. Che la vita non può essere così legata a un filo.
    Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
  27. Ciao Ely, questi sono gli eventi che ci fanno riflettere e ci fanno capire cosa è veramente importante nella vita!!

    un abbraccio forte!!!!

    RispondiElimina
  28. oh Ely, vorrei abbracciarti forte, non sai quanto mi dispiace. Hai fatto bene a voler mettere nero su bianco, molto spesso si ha proprio bisogno di questo. Sai questo post mi ha toccata particolarmente e anche per me questo periodo e tutte le feste in generale sono un momento di tanti pensieri e riflessione.
    Mio papà è morto a 44 anni di infarto durante la Pasqua, sono passati ormai 30 anni da allora, ma il ricordo, specialmente in questi giorni, è sempre vivo.
    Un saluto ad Andrea e un pensiero d'affetto alla sua famiglia.
    Un forte abbraccio
    Sabina

    RispondiElimina
  29. ero pronta a commentare scherzosamente le tue polpettine, e mi hai lasciata senza parole.
    non c'è niente da dire in questi momenti.... solo il silenzio e un abbraccio

    RispondiElimina
  30. ciao ely
    un giorno di gennaio venni a sapere mentre pagavo il conto al market del paese, della tragica morte avvenuta al mattino, del marito di una mia cara amica in un incidente stradale avvenuto in paese. Il tempo di arrivare a casa per pranzo e subito il cellulare impazzito di chiamate che avevo perso durante la mattinata per impegni con il bimbo... aveva 5o anni o poco più, moglie e due figli... la cosa mi ha segnata parecchio... mi ha fatto riflettere parecchio sulla fragilità della vita, troppo vicina a me, troppo strana la faccenda, troppo triste il pensiero!!! la vita però deve continuare con qualche riguardo in più a coloro che hanno perso il loro punto di forza e riferimento, papà e marito! e come dici tu la vita va avanti...
    ... la tua ricetta è molto semplice ma buona e genuina, insomma quelle che fanno per noi!!!
    buona serata

    RispondiElimina
  31. Cara Ely, grazie invece per questo lungo, bellissimo, profondo post. Anche se non sono stata toccata personalemnte, già per il lavoro che svolgo sono quotidianamente confrontata con questi pensieri.Ti leggevo e mi nasceva un senso di conforto: ho gli stessi pensieri, le stesse paure e, per fortuna, le stesse speranze. Il prete ha aperto la veglia pasquale con un fuoco: ha detto che noi uomini possiamo fare molte cose, ma non siamo in grado di auto-illuminarci. Solo Gesù è la vera luce e quindi la vera speranza.
    Un abbraccio, cara Ely e grazie anche per la ricettina: deliziosa e genuina come te!
    Claudia

    RispondiElimina
  32. E' un post che non ho letto volentieri...quest'ultima settimana mi sono sentita davvero in preda ad una crisi e, leggere che la vita può scivolarti via tra le mani in un istante, ad un'età in cui dovresti pensare solo a crescere i tuoi figli, è straziante. Un abbraccio unito al vostro dolore.

    RispondiElimina
  33. Sto leggendo e rileggendo per trovare le parole giuste da scriverti, ma credo di non riuscirci...io non sono credente e non saprei darti il conforto che hai trovato tu stessa nella fede. Ti abbraccio solo fortissimo!

    RispondiElimina
  34. ovviamente la ricetta è bella come sempre ma purtroppo non sono riuscita a dedicargli il tempo necessario. Ho letto due volte la prima parte, condivido molti tuoi pensieri, per ora ti mando un abbraccio forte e ti sono vicino.

    RispondiElimina
  35. Ciao Ely, sono religiosa e capisco bene la tua tristezza, le tue domande e i tuoi dubbi. Ho perso mio papà a 12 anni e non puoi sapere quante volte ho guardato il cielo chiedendo il perchè, poi crescendo non l'ho più fatto. Un tempo credevo che essere fedeli comportasse maggiori difficoltà in certe dure occasioni, ora so che è un aiuto. Un abbraccio forte. Baci

    RispondiElimina
  36. Un abbraccio Ely e grazie sempre per queste tue ricettine... continua ad essere come sei e non chiedere scusa di nulla...
    Mi dispiace per la tua perdita ;(
    Baci
    Maria

    RispondiElimina
  37. Cara Ely
    Esattamente 3 anni fa, era il giorno di Pasquetta ero in visita dai miei consuoceri a Verona...
    Persone splendide, giornata bellissima un pranzo con i fiochi..tutti contenti di stare insieme con i nostri ragazzi che si volevano bene..per loro un futuro radioso e felice..
    Poi al ritorno il mio consuocero (55anni) che era alla guida accostò la macchina al marciapiede e scese lasciando la guida a mio figlio
    Per fortuna si rese conto di non esser più in grado di guidare altrimenti sarebbe stato un macello.
    ..36 ore dopo non c'era più e noi ancora adesso non ci siamo ancora ripresi dal colpo..
    Ti capisco benissimo e partecipo al tuo dolore
    Un abbraccio e complimenti per essere riuscita a postare una ricetta così buona nonostante tutto!!

    RispondiElimina
  38. Ely cara io non ho ancora imparato a rielaborare i lutti...nonostante l'età, la morte e il distacco mi spaventa sempre moltissimo...Ho perso la mamma, amici e parenti cari ma non riesco ad essere saggia quanto te, sei proprio speciale!
    un bacione ele

    RispondiElimina
  39. cavolo.
    i complimenti per le polpette vegetariane te li faccio, perché la Ely è sempre la Ely e sai quanto ormai mi sia affezionata a te, alla tua cucina, ai tuoi sapori, alla nostra nuova amicizia virtuale. quindi polpette senza animali non posso che elogiarle.
    il resto del post, parte più difficile. dopo due enormi e abnormi dolori il mio cuore si è indurito, mi son fatta di pietra, sono uno stoccafisso nei confronti dei dolori altrui, delle altre tragedie. però ci sono certe cose che ancora mi smuovono, che ancora mi fanno sentire il dolore allo stomaco e mi bloccano i pensieri. leggere le tue parole mi ha scosso, mi ha fatto sentire il morso allo stomaco, forse perché ho sentito il tuo scrivere, il tuo battere. tutti i risvolti, tutte le preghiere, tutto è personale, come lo è il blog e i post. però tu hai scelto di condividere con noi tutto ciò. e rispetto te, quella tragedia, quei dolori; ti penso e ti sono vicina.
    non sono religiosa, non ho fede, non trovo domande da fare e non aspetto risposte. però ti sono vicina.
    un abbraccio serio, sincero, di cuore, stretto e silenzioso, senza parole vuote.

    RispondiElimina
  40. difficile trovare qualcosa da dire che abbia un signifcato di fronte a questi eventi. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  41. Davanti a questi eventi Ely le parole sono difficili da mettere insieme perche ci si rende conto di quanto la vita ti possa sfuggire in pochi minuti cosi oggi ci sei domani....cmq un abbraccio grande soparatutto lla famiglia....
    e che dire della ricetta l'aspetto è come sempre gustoso e presentato alla grande!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  42. Ciao Ely, condivido benissimo i tuoi pensieri...corriamo in lungo e in largo, ci sembra sempre di non fare abbastanza o di non farlo abbastanza bene e alla fine possiamo solo dire: "Sia fatta la sua volontà"...mi hai fatto ancora una volta riflettere molto...sarebbe meglio apprezzare e godere ogni momento della nostra comunque meravigliosa vita!

    RispondiElimina
  43. Sono notizie che ti lasciano senza respiro… è successo anche ad un nostro amico lo scorso anno…. Quante cose perdono significato di fronte alla morte e alla malattia, davvero si dovrebbe vivere ogni attimo, come se fosse l'ultimo, ma è tanto difficile nelle piccole e grandi difficoltà di ogni giorno… Hai il conforto della fede e questo è tanto importante, io non sono religiosa, ma mando lo stesso un forte pensiero di vicinanza a te e alla famiglia del tuo amico. Un abbraccio forte, Babi

    RispondiElimina
  44. Quante storie dietro alle persone… Dopo aver letto il tuo post e i commenti mi sento davvero toccata.
    Quanto è fragile la vita e difficile da comprendere tutto ciò che ci succede…
    Ci tocca cercare di viverla in modo migliore per poter dire un giorno io me ne vado a testa alta!
    Auguro a Te e a tutta la tua famiglia una settimana splendida!
    Un abbraccio Cara!

    RispondiElimina
  45. Cara Ely, con questo che scrivi ti sento tanto vicina...La paura nelle preghiere di chiedere il motivo e sempre troppo forte anche per me, chiedo spesso il conforto e la forza di aiutare e aiutarmi...
    Comunque, aggiungerò alle mie preghiere quelle per Andrea e i suoi cari, io credo così.

    Io ero passata per un motivo tanto sciocco, passerei domani, ma comunque sciocco rimarrà, volevo sapere se l risotto che ho postato va bene per il tuo contest...la vita continua anche con i nostri giochini
    Ti abbraccio tanto forte che magari lo senti fino li.

    RispondiElimina
  46. Carissima Ely, niente altro che un enorme abbraccio, il più forte che posso.
    Condivido completamente i tuoi pensieri, è difficile mettere insieme le parole di fronte alla vita, ma è la vita e la dobbiamo prendere per quello che è. Ogni giorno ci insegna che dobbiamo fare attenzione a quello che è davvero importante, a quello che ci rende veramente felici.
    Ti penso.
    Fede

    RispondiElimina
  47. Ho letto tutto e non mi sento di dire altro, le tue parole sono sentite e il proposito di vita è il più importante di tutti.
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  48. cara Ely, comprendo benissimo il tuo stato d'animo in questi momenti!!!!
    un abbraccio per te e una preghiera per la sua famiglia!!!

    RispondiElimina
  49. Ti abbraccio forte, di più...Solo questo...
    simo

    RispondiElimina
  50. Potrei dirti che le tue polpette mi piacciono... Ma ora mi sembra che non abbia importanza! A dirti la verità mi hanno colpito le tue parole e come riesci a "capire" la morte... Io non riesco ... Ancora non posso faccio fatica e capire a darmi una giustificazione ! Ti abbraccio cara

    RispondiElimina
  51. Ely ti mando un grande abbraccio e comprendo il tuo dolore perchè da poco più di un anno se n'è andato anche il padre di un caro amico di mio figlio, in un bruttissimo incidente stradale. Non si può trovare una risposta al perchè, ma si deve comunque farci forza e dare il meglio oggi alle persone che più hanno sofferto per queste perdite.

    RispondiElimina
  52. Un grazie a tutti voi perchè mi avete aperto il cuore, quante situazioni difficili e dolorose... Vi abbraccio con tutto il mio cuore!!!!!
    Ely

    RispondiElimina
  53. cara Ely, sì hai ragione alle volte per fretta, rabbia o sconsideratezza ci dimentichiamo di possedere una cosa unica e irripetibile:la vita.
    mi dispiace tanto

    RispondiElimina
  54. Cara Ely, non commento perché ho sentito iil tuo dolore e sgomento .. Solo poche parole per dirti che condivido ogni parola da te scriitto.. Forse solo
    La fede ci può aiutare in questi momenti.

    RispondiElimina
  55. Ti abbraccio forte Ely senza aggiungere altre parole...purtroppo ho perso toppe persone care negli ultimi anni e davanti a queste cose quasi non riesco più a respirare....Un bacio!!

    RispondiElimina
  56. Linda receta los polpetines de lentejas me encantan te han quedado muy hermosos,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  57. Nonostante sia credente la morte, il distacco, mi terrorizzano, probabilmente la mia fede è debole ma è così. L'unica cosa, mi dico, è pregare, non so perchè o per cosa ma è l'unico conforto.

    RispondiElimina
  58. cara Ely,la morte ci spaventa sempre perchè lascia un vuoto dentro di noi e tanto dolore....ma ricorda che Gesù non è morto per nulla un giorno rincontrerai questa persona in un'atmosfera di serenità. Intanto mi prendo una polpetta perchè adoro le lenticchie. un abbraccio forte

    RispondiElimina
  59. una bella idea queste polpette di lenticchie imparassimo di più a utilizzare di più i legumi

    RispondiElimina
  60. Non ci sono parole di fronte ad una situazione così tanto dolorosa, il mio pensiero va a quella famiglia spezzata...

    RispondiElimina
  61. Ciao carissima Ely. Ti avevo già scritto ieri per darti la mia solidarietà in questi momenti ma a quanto pare non mi ha preso il messaggio (strano mi aveva detto commento salvato), pazienza.
    Ti mando un abbraccio e una preghiera per la sua famiglia.

    RispondiElimina
  62. opppsss...mi dispiace davvero tanto...anche io due giorni fa ho perso un amico di 40anni, lascia anche lui moglie e bimbi piccoli...non possiamo che pregare per loro e per le loro famiglie...un abbraccio...

    RispondiElimina
  63. Mi sembra di tornare indietro nel tempo...cellulare che suona...stessa brutta notizia e un'amica di soli 29 anni con due bimbe piccoline rimase da sola....queste sono vere tragedie. Non ci sono parole per descriverle e per consolare...

    RispondiElimina
  64. ti abbraccio fortissimo ... non sò cos'altro dire tranne che condivido tutto quello che scrivi. ti sono vicina.

    RispondiElimina
  65. Cara Ely, un abbraccio grande ed una preghiera per la famiglia.
    Elisa

    RispondiElimina
  66. Ciao, tu non sai quanto posso capire quello che hai scritto e forse un giorno avrò il coraggio di spiegarlo a te e a tutti. Condivido veramente quello che hai detto, soprattutto sul concetto "sia fatta la sua volontà" anche se a volte ci sembra insopportabile l'idea. Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  67. era un po' che non passavo e... sono rimasta senza parole e con le lacrime agli occhi...
    un forte abbraccio!!
    Barbara

    RispondiElimina
  68. tanti pensieri avvolti da altrettanta verità in cui hai saputo trasmettere le emozioni incredule e di difesa verso quello che ci colpisce e che vorremmo ancora poter far tornare come prima.......ma hai ragione ....è inutile opporre resistenza, siamo troppo fragili e se siamo credenti non ci resta che pregare, sei una donna dal cuore grande ed è bello che tu lo trasmetta, bacio!

    RispondiElimina
  69. So cosa si prova a perdere una persona cara da un momento all'altro. Un grande abbraccio e un pensiero al tuo amico e alla sua famiglia.

    RispondiElimina
  70. Non aggiungo altro sappi solo che non trovo giusto come questo Dio chiama a se i propri figli e lasci soffrire chi rimane qui. Ancora non riesco a farmene una ragione...

    RispondiElimina
  71. Eccomi quì a commentare questo spazio che hai creato così bello nelle immagini e nei contenuti, nell'amore e nella passione che trasmetti,purtroppo questi eventi così drammatici ci colpiscono e ci lasciano senza energie...
    Capisco cosa stai provando e pregare aiuta, è il mistero della fede, noi possiamo solo condurre la nostra esistenza e cercare la felicità nella semplicità della vita quotidiana.
    Anche se non ci conosciamo ti sono vicina..
    Un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina

Ho tolto la parola di verifica ai commenti, se volete potete commentare senza fare una visita oculistica prima
Grazie!