Benvenuti nella cucina di Ely

Mi chiamo Elena, ho 46 anni, sono sposata con Paolo che conosco da quando ero bambina e ho 3 figli Mattia 18 anni, Pietro 17 e Lucia 12, amo cucinare da sempre e da quando mi sono sposata ho provato, sperimentato e inventato. Il Capitano e i tre marinai si prestano molto volentieri ad assaggiare tutto quello che qui viene creato...

Dimenticavo qui siete i benvenuti! Tra farina e libri, un ago e una forbice, c'è lo spazio per un caffè e una chiacchierata in compagnia...

 factory  factory  factory

Oss da mord ovvero ossa da mordere


No non è un tipico dolce di Halloween anche se il nome sarebbe perfetto ma insieme ai "Pan dei Mort" che avevo provato tempo fa e che oramai preparo sempre in questo periodo, sono i dolci più diffusi che possiamo trovare qui in nel Lecchese ma presumo in tutta la Lombardia nelle Festività dei Santi e dei Morti. Sono i dolci della mia infanzia, quando la mia mamma me li faceva trovare sul tavolo al rientro dalla scuola, erano sempre croccanti e a volte così duri che sembravano davvero delle ossa da morto, avevo quasi paura di lasciarci qualche pezzo di dente, ma erano così buoni...
Solo una pasticceria li faceva come si deve, la pasticceria Benaglio in centro Lecco, pasticceria storica, che purtroppo da tanti anni ha terminato la sua attività e che guarda caso aveva un pasticcere davvero in gamba che poi sarebbe diventato mio zio... Ieri sera avevo voglia di preparare un dolcetto della tradizione e così ho cercato in rete la ricetta ma purtroppo quella che appartiene alla mia città non l'ho trovata, mi sono così "inventata" questa, non assomigliano per niente a quelli che mangiavo da bambina, ma sono piuttosto una versione semplice dei dolcetti che portano questo nome e che ho assaggiato in Valtellina. Sono golosi morbidi e croccanti allo stesso tempo e perfetti da gustare in questi giorni di relax, magari con un buon marsala secco. In questi giorni farò una telefonata alla zio Tino e mi farò dare la ricetta degli originali che voglio assolutamente fare!

Ingredienti per una quindicina di pezzi:
200 gr di farina 00
100 gr di farina di mandorle
250 gr di zucchero
125 gr di albume (4 uova medie)
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
La buccia grattugiata di un limone
150 gr di mandorle pelate


Preparazione:
Setacciate la farina 00 con il bicarbonato, mettete tutti gli ingredienti in un robot da cucina e impastate velocemente. Versate poi l'impasto su un piano, io ho usato quello di legno per il pane e l'ho infarinato ben bene. Tagliate 15 porzioni e dategli la forma allungata come vedete dai miei nelle foto. Metteteli su tre teglie ricoperte di carta forno e lasciateli ben distanziati perché si allargheranno in cottura. Fate cuocere a forno moderato 170° non ventilato per circa 12/15 minuti dovranno essere dorati in superficie ma ancora morbidi.
Togliete e mettete su una gratella e fateli raffreddare completamente. Gustateveli in una fredda e piovosa giornata, quando l'aria fuori sa di neve, in compagnia dei vostri cari magari con un bicchierino di Marsala di quello buono... Io li porterò oggi da mia suocera dove mangeremo la tradizionale Cassoeula o Verzata.


Con me in cucina: 

Auguro a tutti voi un piacevolissimo fine settimana lungo, lo sarà per tutta la Cucina di Ely al completo, che venerdì mattina partirà per la Maratona del Benessere in compagnia di altre amiche food blogger  e soprattutto con la presenza di Simone Rugiati. Prometto tante foto e il mio resoconto quando torneremo!




63 commenti:

  1. Quando ho letto dei biscotti di tua madre che erano talmente duri da rischiare di lasciarci i denti sopra mi sono venuti in mente i mostaccioli della mia infanzia. Con uno ci passavi mezza giornata!! Ma di un buono, soprattutto perché hanno il sapore dell'infanzia volata via tanti anni fa!!!
    E questa tua versione, più adatta alla età che avanza... è spettacolare. Comunque sono curiosa di vedere la ricetta che ti passerà lo zio "storico pasticcere del lecchese"!!!
    E aspetto anche il tuo reportage!! Buon divertimento!!!

    RispondiElimina
  2. devono essere molto scrocchiarelli, anche dalle mie parti si fanno, ma hanno la forma delle ossa. baci ciao Ely e buon week end

    RispondiElimina
  3. Buonissimi.A me piacciono molto i biscotti con la consistenza dura. Provero' la tua ricetta che e' deliziosa. Baci cara.

    RispondiElimina
  4. Sembrano leggerissimi e friabili!
    Mi piacciono le tue foto!
    Buon 1 Novembre!

    RispondiElimina
  5. li trovo buoni ma troppo dure per i miei denti, ogni volta che li mangio è sempre una lotta :D

    RispondiElimina
  6. Non li ho mai mangiato ma hanno un'aspetto favoloso!

    RispondiElimina
  7. adoro quelle foto sul piano di legno infarinato! biscottini rustici, quella semplicità invitante che solo la tradizione...aspetto la ricetta dello zio, volgio provare quella!!! Baci!

    RispondiElimina
  8. Non so come sono gli originali.. ma questi credo mi piacerebbero molto.. ci son le mandorle.. e la farina di mandorle.. baci cara :-)

    RispondiElimina
  9. io gli originali non li ho mai sentiti quindi per me i tuoi sono comunque ottimi, ho un debole per tutta la frutta secca e per le cose croccanti quindi che dire... me ne mangerei sicuramente una valanga!!!! buona giornata cara un bacione

    RispondiElimina
  10. non conoscevo questo dolce,ma se evocano ricordi d'infanzia sono un vero e proprio confort food...bacio Ely,serena giornata:)

    RispondiElimina
  11. mamma mia devono essere buonissimi!

    RispondiElimina
  12. buoniiii...li adoro questi biscotti!!!!!!!
    A presto...non vedo l'ora!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Anche dalle mie parti si preparano questi dolcetti... e sono veramente a prova di denti sanissimi :D

    RispondiElimina
  14. E sì, proprio i dolci di questo periodo della ricorrenza dei morti.
    Ora si fanno più spesso, ma una volta le giornate di produzione erano circoscritte al periodo del 1° novembre.
    Mi sa che proverò questa tua ricetta.
    Buon proseguimento di giornata
    Mandi

    RispondiElimina
  15. Solo a guardarli mi sta venendo voglia di allungare la mano, rubarne qualcuno e metterli in tasca...come i bambini!!! :)

    RispondiElimina
  16. Mi sembrano perfetti, e poi cuociono davvero in fretta! Mi sa che nel fine settimana proverò a farli.
    Ti auguro un buon weekend lungo e divertiti anche per me che devo lavorare (sai che novità). E mi raccomando: aspettiamo tante foto!!!
    Un abbraccio,

    Nadia - Alte Forchette -

    RispondiElimina
  17. Oh stella.. si, sono proprio dolcetti tipici delle nostre zone e anche io li faccio in questi giorni. Mi ricordano tanto, tanto la mia infanzia: tra 'Pan di Mort' e 'Oss di mort' (qui non è conosciuto con da mord) ricordo benissimo la ricetta della mia zietta. E' quella che credo posterò, se farò in tempo :) La sua è quella che per me ha sapore di passato e di felicità... Un abbraccio forte forte!

    RispondiElimina
  18. ci sono dolci in Italia che dal nome sembrano per Halloween, ma fanno parte della nostra tradizione e si usa farli in questi giorni, e sono buonissimi, buon divertimento e aspettiamo le tue foto, un bacio

    RispondiElimina
  19. Qualcosa di simile si fa anche in Romagna, adoro i dolci della tradizione come questi! Buon viaggio resto in attesa del tuo racconto :)

    RispondiElimina
  20. Ma sai Ely che in Sicilia abbiamo dei biscotti molto simili? Si chiamano Ossa di morto, anche loro a volte duri duri...ma buonissimi!! Un abbraccione!

    RispondiElimina
  21. Questi biscotti devono essere super buoni,poi i biscotti croccanti li adoro!

    RispondiElimina
  22. Ely, facevi bene a pensare di lasciarci i denti!
    Mia nonna li preparava spesso questi biscotti, ma con il nome di 'stracca-denti'!!
    Buon ponte!

    RispondiElimina
  23. Buonissimi!
    Puoi passare anche da me ad "assaggiare" le specialità siciliane del periodo!
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
  24. rustici...croccanti...golosissimi!
    brava cara
    un bacio

    RispondiElimina
  25. I dolci dell'infanzia sono una carezza per l'anima, anche io ricordo quelli che mangiavo da piccola come se fossero i più buoni mai sentiti. Allora buon viaggio Ely, aspetto il tuo racconto al ritorno.

    RispondiElimina
  26. Ciao Ely!!
    Buonissimi questi biscotti!! Hanno un aspetto meraviglioso!
    Ma come ti invidio che vai alla 'maratona del benessere'..rilassati e fai 'na valanga di foto così lo fai vedere anche a noi 'il' Simone Rugiati..ma quanto carino è?..oltre che bravo e simpatico! Baci, Roberta

    RispondiElimina
  27. ely non li conoscevo proprio questi biscotti! ti immagino mentre li sgranocchi e ricordi l'infanzia, che potere che ha il cibo, tanti ricordi, tanti profumi:)

    RispondiElimina
  28. Ciao Ely :) Sai che non li ho mai assaggiati questi biscotti ?? Non li ho neanche mai sentiti nominare..mi incuriosiscono !
    Allora, mia cara, buona maratona :))
    Ti abbraccio e a presto !

    RispondiElimina
  29. Mai assaggiati questi biscotti, sembrano buonissimi.
    Complimenti per il tuo nuovo impegno da foodblogger.
    Sei un mito!
    ciao
    alice

    RispondiElimina
  30. Aspetta aspetta mia cara... mi sono persa qualcosa!! Era un pò che non passavo (causa tesi di laurea) e che mi trovo in alto a destra??? un tuo libro?? *_* fantastica!!!!! NOn per sminuire la ricetta di oggi (che, detto tra noi amo moltissimo!) ma devo sapere tutto di lui!!! Dimmi dove posso trovare info, com'è nato, dove hai scritto di lui, dove lo presenterai... voglio sapere tutto di questo tuo nuovo -e mi permetto- meritatissimo traguardo!
    un bacio cara! ti voglio bene!

    RispondiElimina
  31. Adoro i dolci alle mandorle, bella e sicuramente buona questa ricetta! A presto, Ancutza

    RispondiElimina
  32. Che buoni devono essere!!...e che splendide foto, Ely, sembano gli scatti di Sale&Pepe, bravissima!!
    Claudia

    RispondiElimina
  33. Buona maratona e salutami Simone!!! Questi dolcetti mi sembrano buonissimi e come dice Claudia complimenti per le foto....
    a presto da claudette

    RispondiElimina
  34. In bocca al lupo per la maratona Ely!!!

    RispondiElimina
  35. Tenerissimo il ricordo dei biscotti duri duri da lasciarci i denti :) Ma sono quelli che mi piacciono di più, sgranocchiosi all'inverosimile. E' bello scoprire come con lo stesso nome ci siano ricette diverse: conoscevo una versione di pan dei morti fatti però con i biscotti tritati e molto speziata. Mi ispira questa crocca crocca e mandorlosa. Un bacione, buon fine settimana di relax e divertimento ^_^

    RispondiElimina
  36. Eh, beh, nemmeno i tuoi scherzano! :)
    Grazie per la pazienza, seguici, ti sorprenderemo :))))
    Barbara&Ilaria

    RispondiElimina
  37. Tutto cio' che ci ricorda la nostra infanzia è buono,ha il sapore di casa ,bravissima Ely

    RispondiElimina
  38. Wow in bocca al lupo cara Ely! E complimenti per questi biscotti hanno un aspetto delizioso :-) Bacionissimi

    RispondiElimina
  39. non li conoscevo ma penso che ti stata in grado di rifarli perttamente. un abbraccio carissima Ely e buon ponte :-)

    RispondiElimina
  40. qaunto sono a milano in questo periodo ne mangio a gogo! li adoro questi biscottini!

    RispondiElimina
  41. W lo zio Tino, aspettiamo la sua ricetta, prossimamente, su questi schermi...
    Nel frattempo, questa ricettina semplice semplice non ce la facciamo mica sfuggire!

    RispondiElimina
  42. Ciao Ely! Non sapevo fossi di Lecco...siamo quasi vicine di casa (io sono di Como)! Oggi ho pubblicato la ricetta del pan di mort...questi oss da mord mi mancano..li devo provare asolutamente!!:)
    Complimeti per le foto, un bacione e buon weekend!

    RispondiElimina
  43. Carissima, spero che il tuo we vada benissimo, divertiti!
    Questi biscotti devono essere buonissimi!Il fatto di adattare la ricetta che hai trovato per renderla il più possibile buona e vicina ai sapori dei tuoi ricordi credo abbia dato ottimi risultati.
    Ti mando un abbraccio,
    Vale

    RispondiElimina
  44. Ely io non conosco gli originali per cui i tuoi mi sembrano una bonta'!!! purtroppo io in quanto a tradizioni sono un po' ignorante sto imparando molto da voi e vi ringrazio:-)
    un bacio

    RispondiElimina
  45. Non poteva mancare, nel tuo blog, una ricetta di grande attualità stagionale...Gli oss li ho sempre apprezzato, e li ho sempre chiamati come scrivi ossia da mord e non da mort.... mi sembra molto più carino :)

    RispondiElimina
  46. Bellissima ricetta Ely! Buon fine settimana lungo!!!

    RispondiElimina
  47. se son croccanti son fatti per me! Bellissime foto Ely,escono dallo schermo! Un bacione....

    RispondiElimina
  48. peculiarissimi! che bella ricetta! pensa che mi aspettavo dei biscotti a forma di ossa in tema halloween ^_^ e invece? devon esser stati deliziosi!

    RispondiElimina
  49. anche a me sono venuti in mente gli ossi di morto siciliani, durissimi, però guardavo su internet e li ho trovati con il pezzo marrone sotto, di zucchero caramellato in cottura... io me li ricordo solo bianchi :P

    RispondiElimina
  50. Ciao Ely! Sai che anche da noi si usavano? Io li faccio ancora ogni tanto, insieme alle fave dei morti. Nella mia versione però insieme alle mandorle ci sono le arachidi che danno un gusto un po' più deciso..io li ricordo così..almeno dalle mie parti (Bergamo)!
    Buona domenica!!
    Carmen

    RispondiElimina
  51. e noi aspettiamo anche quelli originali dello zio!!!
    un bacio grande ely, buona settimana

    RispondiElimina
  52. ci sono anche in Emilia questi dolcetti golosi da nome tetro.... aspettiamo le tue foto e un reportage dettagliato...ci contiamo! bacioni!

    RispondiElimina
  53. Devo ammettere di non averli mai assaggiati pur vivendo in Lombardia da quando sono nata.
    Devono essere meravigliosi visto che la base è la mandorla!
    Segno e faccio!

    RispondiElimina
  54. Che bello il racconto e le memorie dei sapori della nostra infanzia. E buonissimi questi biscottini!

    RispondiElimina
  55. Grazie!!!! Grazie a tutti!!!!! Ora aspetto la ricetta dello zio e la proviamo insieme!!! Un baciotto!

    RispondiElimina
  56. cara volevo invitarti al mio contest che inizia oggi:
    http://dolcementeinventando.blogspot.it/2012/11/la-mia-ricetta-gioiello-il-mio-primo.html
    Spero che parteciperai!!!!
    Ale

    RispondiElimina
  57. En estas fechas se suelen preparar diversos tipos de dulces, todos diferentes y todos muy ricos, como estas galletas que nos muestras.
    Seguro que son muy ricas y crujientes.

    Un besito,

    RispondiElimina
  58. Complimenti per questa ricetta inventata... però adesso aspetto quella dello zio che mi ha incuriosito :-)

    RispondiElimina
  59. A me è capitato più volte di rifare dolci della mia infanzia e....rimanerne delusa perchè non ritrovavo il gusto che ricordavo....
    I tuoi dolcetti li assaggerei volentieri!!!

    A pretso
    Monica

    (Fotocibiamo)

    RispondiElimina

Ho tolto la parola di verifica ai commenti, se volete potete commentare senza fare una visita oculistica prima
Grazie!